Olanda: Wilders assolto dall’accusa di incitamento all’odio

 

wildersIl deputato olandese Geert Wilders è stato giudicato colpevole di discriminazione (da quando i marocchini sono una razza?, ndr), ma è stato assolto dall’accusa di incitamento all’odio per i suoi commenti sui marocchini risalenti al 2014. Nel verdetto, i giudici precisano che “il modo incendiario in cui sono stati fatti i commenti può aver incitato altri a discriminare persone di origine marocchina”, ma “non ci sono sufficienti prove” per determinare che quelle parole siano state di incitamento all’odio. Ora avrà 14 giorni per presentare appello.

Wilders, assente al momento della sentenza, aveva denunciato il processo come un attacco alla libertà di espressione

Dichiarazione finale di Geert Wilders davanti ai giudici, discorso storico

La corte ha quindi stabilito di non imporre alcuna sanzione a Wilders, a conclusione del processo celebrato a Schipol, nei pressi di Amsterdam, a pochi mesi dalle elezioni legislative in Olanda, con il Partito per la libertà (Pvv) di Wilders dato tra i favoriti. Il discorso contestato risale al 2014, quando a un comizio all’Aia Wilders chiese alla folla se volessero “più o meno marocchini come loro concittadini”, domanda a cui il pubblico rispose in coro “meno marocchini!”. (con fonte afp)

Geert Wilders: “Chi vuole farmi tacere deve prima uccidermi”

 



   

 

 

1 Commento per “Olanda: Wilders assolto dall’accusa di incitamento all’odio”

  1. “Colpevole di discriminazione”;incredibile!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -