Equitalia cambia nome e peggiora “Apra la cassetta di sicurezza o la forziamo”

 

equitalia-peggiora

Equitalia avrà pur cambiato nome, ma i metodi per riscuotere quanto dovuto dai contribuenti morosi non sembrano aver subito alcun tipo di modifica, anzi, per alcuni versi parrebbero persino peggiorati.

A Napoli un cittadino si è visto recapitare una insolita lettera attraverso la quale Equitalia non usa giri di parole e, pur di recuperare dei crediti, costringe il soggetto ad aprire le proprie cassette di sicurezza per verificarne il contenuto. Il contribuente, stando a quanto riferito dall’avvocato Angelo Pisani, che denuncia una totale violazione della privacy del proprio assistito, dovrà presentarsi in banca nel giorno e nell’orario indicato per l’apertura delle sue cassette di sicurezza ora pignorate.

Il legale riferisce poi di una frase a dir poco inquietante

Nel caso in cui nessuno si presentasse all’appuntamento, la cassetta verrebbe forzata ugualmente dagli addetti di Equitalia. “Tra poco metteranno anche le mani in tasca o nel materasso in quanto non sanno più dove rastrellare soldi. Negli anni questa società si è mostrata quasi peggio della Gestapo. Altro che rottamazione, per cartelle prescritte ora Equitalia cerca e pignora anche le cassette di sicurezza in banca ledendo ogni diritto di privacy e difesa del contribuente”. Insomma, la società di riscossione potrà anche aver cambiato nome, ma dimostra ancora oggi di adottare metodi inflessibili e al limite della legalità.

redazione TISCALI

lettera-equitalia

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -