Islam, Indonesia: governatore cristiano a processo per blasfemia

 

Un’accusa di blasfemia che rischia di costargli la carriera: il governatore di Giakarta, di etna minoritaria, d’origine cinese e unico governatore cristiano nel più popoloso Paese musulmano del mondo, andrà a processo per la risposta data in un comizio a un’accusa basata su un versetto del corano.
Dopo quasi due settimane d’inchiesta, il capo della polizia dipartimentale ha confermato la decisione, presa a maggioranza, di inviarlo davanti al giudice, con tutte le implicazioni conseguenti a partire dal divieto di viaggiare all’estero.

Basuki Tjahaja Purnama, popolarmente conosciuto con il nomignolo di “Ahok”, fu eletto governatore nel 2014, quando il governatore uscente e suo alleato, Joko Widodo, lasciò l’incarico per divenire presidente:

“Questo è un Paese governato dalla legge e quindi decideranno i giudici. Se ora divengo ufficialmente un sospetto seguirò le procedure legali, che io sia innocente o no le seguirò. Ma sono convinto di essere innocente, non avevo intenzione di offendere”, ha commentato.

Il 4 novembre il Fronte dei Difensori dell’Islam organizzò una manifestazione, terminata in scontri con la polizia, chiedendo le dimissioni del governatore per aver detto che i suoi rivali politici, usando un versetto del Corano per attaccarlo, avevano deluso gli elettori. Ahok è in testa ai sondaggi per un secondo mandato, ma il processo ora compromette seriamente la corsa al seggio. Le elezioni si terranno in febbraio. EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -