Dovevano arrivare 10 profughe, arrivano 21 migranti uomini: casa devastata

 

Ha messo a disposizione l’appartamento perché le avevano detto che sarebbero arrivate delle giovani donne cristiane in fuga dalla guerra, invece gli hanno mandato 21 migranti che le stanno procurando parecchi mal di testa. A raccontare la singolare storia è la Nazione.

E’ la signora Adriana Armanda Spediacci, di origini lunigianesi ma residente a Como con i figli, a descrivere l’accaduto. “Nel novembre dello scorso anno – spiega sul quotidiano – abbiamo contattato un’agenzia per affittare tre appartamenti e un ufficio, alla Filanda. Ci avevano consigliato di rivolgerci ad una società della zona che avrebbe ospitato nigeriani in fuga dal loro Paese in quanto perseguitati e ci hanno mostrato anche alcune fotografie”.

“Non era questo l’accordo”

Così i proprietari aderiscono per motivi umanitari, chiedendo un canone molto più basso rispetto al mercato. “Ci avevano assicurato un massimo di 10 persone in tre appartamenti invece – racconta la donna alla Nazione – hanno tirato su un muro, sistemato letti anche nel sottotetto, tanto che abbiamo sollecitato due sopralluoghi, per verificare eventuali abusi edilizi, che infatti sono stati riscontarti. I contatori erano quattro e sono stati unificati: nei nostri appartamenti vivono 21 persone, ma non era questo l’accordo”.

Un calvario

A quel punto parte il calvario, con “denunce, lettere alle autorità e un procedimento legale in corso”. Tra l’altro alcuni inquilini che stavano in appartamenti vicini sembra se ne siano andati a causa di una convivenza divenuta impossibile. I migranti ospitati nei locali di Adriana infatti “non fanno la raccolta differenziata e ammassano l’immondezza, a volte la buttano dal balcone”, spiega la signora, Inoltre “l’associazione cui ci siamo rivolti a nostro avviso non sta adempiendo ai compiti previsti nella convezione. Sono stata nell’appartamento e ho visto un impianto elettrico non a norma e letti dappertutto”.

L’ordinanza del Comune

Paradossalmente poi sono nati altri guai per la proprietaria. “Un’ordinanza del comune di Aulla infatti intima alla signora di ripristinare gli appartamenti com’erano in origine, abbattendo dunque le pareti”, si legge sul giornale. Altrimenti arriveranno pesanti sanzioni. “Non sappiamo più cosa fare – sospira la signora – non è giusto subire tutto questo”.

redazione tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -