Terrorismo: arrestati dai Ros due egiziani e un algerino

 

GENOVA, 27 OTT – Tre presunti jihadisti accusati di terrorismo sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros della Liguria: un algerino è stato fermato nel Cie di Torino dove era ospite in quanto richiedente asilo politico, due fratelli egiziani sono stati bloccati a Finale Ligure (Savona) e a Cassano d’Adda (Milano): uno era pizzaiolo, l’altro cassintegrato. I tre sono accusati di associazione finalizzata a terrorismo internazionale.

L’operazione del Ros dei carabinieri è coordinata dalla sostituto procuratore Federico Manotti della procura distrettuale antiterrorismo di Genova e nasce dal monitoraggio dei siti di propaganda utilizzati dagli jihadisti. Uno dei due egiziani e l’algerino aveva richiesto online la formula per iscriversi allo Stato Islamico. I tre presunti jihadisti erano insospettabili che conducevano una vita normalissima tesa a nascondere la loro radicalizzazione. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Terrorismo: arrestati dai Ros due egiziani e un algerino”

  1. E si continua a andare a prendere i Clandestini nonostante che questi Cxxxxxi di politici PDioti non sanno chi sono? che vengono a fare? senza alcun documento? nonostante l’evidenza dei fatti come quelli precedenti sia in Italia e ancor più peggio Francia e Belgio e anche quest’ultimi di ieri! questo è veramente allucinante in una nazione democratica che era perchè con questi politici hanno iniziato a mettere la dittatura peggio di quella che abbiamo già subito!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -