Roma: tribu’ libiche si riuniscono presso la Comunità di Sant’Egidio

 

Dal 3 al 5 ottobre si sono riuniti a Roma, presso la Comunità di Sant’Egidio, i rappresentanti delle tribù Awlad Suleiman e Tebu della città di Sebha, capitale del Fezzan, la grande regione del Sud della Libia. Stando a quanto si legge in una nota della comunità, “le due delegazioni hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta in cui si afferma la volontà di ristabilire la fiducia reciproca e di lavorare insieme per la convivenza pacifica a Sebha, città strategica per tutto il Paese, dove, sin dall’inizio della crisi libica, sono avvenuti scontri tra le diverse componenti della popolazione determinando una situazione di grande incertezza”.

I delegati hanno ringraziato il ruolo svolto dalla Comunità di Sant’Egidio “per il lungo e costante impegno a fianco degli abitanti della regione del Fezzan” e hanno sottolineato la propria volontà di collaborare per il bene comune e favorire il dialogo per la risoluzione di tutte le divergenze.

Sant’Egidio ha espresso la propria soddisfazione per un’intesa che riguarda la città più importante del Sud libico, regione chiave per la pacificazione dell’intero Paese. La Comunità è impegnata da diversi anni per una soluzione della crisi libica e in particolare ha svolto un ruolo di primo piano per la stabilizzazione del Fezzan. Alcuni passi importanti in quella direzione erano già stati fatti nel novembre del 2015 dalle tribù Tuareg e Ubari per la pacificazione della città di Ubari, e, nel giugno scorso, da tutte le componenti del Sud libico con la firma, sempre a Sant’Egidio, di un accordo umanitario che ha portato a una distribuzione di medicine e materiale sanitario nei sette ospedali principali del sud della Libia. Le spedizioni, che hanno riguardato alcune strutture sanitarie di Ubari e Sebha, sono già arrivate a destinazione, grazie anche al coinvolgimento della cooperazione italiana. ASKANEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -