Immigrazione, oggi il referendum nella democratica Ungheria

 

Oggi 8,3 milioni di ungheresi sono chiamati al voto per decidere se bocciare o meno il sistema di ricollocamento dei rifugiati deciso dall’Ue. Un referendum che ha il sapore di una consultazione pro o contro Bruxelles.

orban01

Le solite ong immigrazioniste, al servizio dell’eurocrazia , hanno lanciato una controcampagna per il boicottaggio del voto.

Fino a questo momento il governo di Orban rifiuta qualsiasi obbligo di accoglienza dei rifugiati. Il premier magiaro ha promesso di tradurre i risultati del referendum in un testo di legge senza dare dettagli.

La Commissione europea, che notoriamente non ha simpatia per le consultazioni democratiche, né rispetta l’esito, ha sottolineato che l’esito del referendum non avrà alcun impatto giuridico sugli impegni presi. “Gli stati membri hanno la responsabilità legale di applicare le decisioni prese”, ha ricordato il commissario alle Migrazioni Dimitris Avramopoulos.

Per l’antidemocratico presidente della Commissione Jean-Claude Juncker “se venissero organizzati referendum su ogni decisione dei ministri e del Parlamento europeo, l’autorità della legge sarebbe messa in pericolo”. Il quesito posto agli elettori ungheresi recita: “Volete che l’Unione europea decreti il ricollocamento obbligatorio dei cittadini non ungheresi in Ungheria senza l’approvazione del Parlamento ungherese?”. Una domanda che si accorda perfettamente con i toni tenuti dalle campagne del governo con riferimenti all’aumento delle violenze dopo l’arrivo dei migranti. (con fonte askanews)

“Amo l’Ungheria per quella che è e non voglio che qualcuno la cambi in base a un ordine venuto dall’esterno”, ha aggiunto Orban rilanciando la campagna contro l’immigrazione selvaggia. Le urne saranno aperte dalle 6:00 (le 5:00 in Italia) alle 19:00 (le 18:00 in Italia). Degli 8m,3 milioni di aventi diritto 274.591 ungheresi che vivono all’estero si sono registrati per votare via mail. Il governo ha organizzato un totale di 10.331 seggi in tutto il Paese.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -