Padre aggredisce il “profugo” che ha violentato la figlia. La polizia lo uccide

 

Nella notte di martedì, in un centro di accoglienza, la polizia di Berlino ha sparato e ucciso il padre di una bambina che ha tentato di aggredire l’uomo che avrebbe abusato sessualmente della figlia.

Il “profugo” è stato accusato di aver abusato sessualmente di una bambina di otto anni. Alcuni testimoni hanno detto che l’uomo ha attirato la piccola in un parco vicino a casa e poi ha abusato di lei.

La polizia ha arrestato l’uomo per violenza sessuale, ma dopo che gli agenti lo avevano ammanettato e lo stavano portando in una macchina della polizia, il padre della bambina è andato verso verso di lui armato di coltello dicendo: “Non sopravviverai a questo”.

La polizia ha sparato al padre disperato, che è morto poco dopo in ospedale.

Non è chiaro quanti funzionari abbiano sparato all’uomo, e questo sarà chiarito nel corso di un’indagine sull’uso delle armi da fuoco, che è una procedura standard quando un agente di polizia usa la pistola contro qualcuno in Germania.

Un membro del Die Linke (partito di sinistra) del parlamento tedesco ha rivelato che durante l’estate  vi sono stati 128 casi di bambini vittime di abusi sessuali nei centri di accoglienza in tutta la Germania. I bambini sarebbero stati abusati da dipendenti che lavorano presso le strutture di rifugiati, tra cui guardie di sicurezza, nonché da persone che vivono lì.

www.thelocal.de

 



   

 

 

1 Commento per “Padre aggredisce il “profugo” che ha violentato la figlia. La polizia lo uccide”

  1. Mentre di dare la medaglia a sto padre con Onore e Dignità, questi poliziotti che fanno ammazzano chi ha subito un torto ALLUCINANTE! questo e VERGOGNOSO! e d anche una CAROGNATA VERSO LA FAMIGLIA CHE HANNO DOVUTO SUBIRE QUESTA INGIUSTIZIA, dico solo VERGOGNATEVI!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -