Truffa all’Inps: sussidi a morti e ”finti” italiani, 35 indagati ad Agrigento

 

Agrigento – Una pensione sociale non si nega neppure ai morti. E nemmeno a chi da un pezzo in Italia non vive piu’. E’ stata battezzata “Overland” l’operazione della Guardia di finanza di Agrigento che ha portato alla denuncia di 35 persone per una truffa di quasi 2,2 milioni di euro. Le Fiamme gialle della compagnia di Sciacca hanno eseguito le notifiche degli avvisi di conclusione indagini. L’inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Sciacca, ha fatto luce su un diffuso sistema di frode ai danni dell’Inps, messo in atto da 35 persone residenti di fatto all’estero, in particolare in Sud America, ma che avevano dichiarato di risiedere in Italia per percepire l’assegno sociale pari a circa 500 euro al mese, senza averne diritto.

Individuato persino un beneficiario defunto da oltre due anni che continuava ad incassare l’assegno mensile: la figlia non ne aveva comunicato la morte dell’uomo per continuare ad intascare l’importo che gia’ veniva illecitamente corrisposto al padre. I finanzieri hanno passato al vaglio la posizione di oltre 1.400 persone, individuando, tra Sciacca, Menfi e Sambuca di Sicilia, i 35 soggetti gia’ da molti anni all’estero, ma rientrati in Italia per brevissimo periodo, giusto il tempo di trasferire la residenza e richiedere l’erogazione del beneficio, per poi fare rientro negli stati di provenienza, principalmente Venezuela e Argentina. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -