Trovato impiccato procuratore anti-corruzione che indagava sulla famiglia Erdogan

 

erdogan-Seyfettin-Yigit

Seyfettin Yigit, procuratore turco che nel 2013 seguiva la maxi inchiesta in materia di corruzione che coinvolgeva molti esponenti del governo e anche alcuni familiari del presidente Recep Tayyip Erdogan (all’epoca premier), è morto in carcere a Bursa, dopo essere stato arrestato la scorsa estate per presunti legami con Fethullah Gulen, predicatore accusato di essere la mente del fallito golpe del 15 luglio. Yigit è stato trovato impiccato nei bagni della prigione questa mattina.

Su Twitter, l’ultimo procuratore che ha seguito la vicenda del 2013, Mehmet Yuzgec, ha spiegato che il 47enne Yigit era responsabile del ramo di inchiesta che riguardava il coinvolgimento dell’agenzia turca per lo sviluppo abitativo (Toki). Il corpo del procuratore è stato portato al dipartimento di medicina legale di Bursa per l’autopsia, che dovrà verificare se si è trattato di omicidio o di suicidio.

All’inizio della settimana, l’Associazione turca per i diritti umani (Ihd) ha denunciato il ritorno della pratica della tortura nelle carceri turche in seguito al fallito golpe. Secondo l’associazione, alcuni strumenti di tortura utilizzati all’epoca dei passati golpe sono tornati in uso dopo i fatti del 15 luglio. adnkronos

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -