Preparatevi: stanno allestendo l’Eurabia

 

eurabia

Roma – Di fronte alle grandi sfide odierne, bisogna ripensare strumenti e forme del dialogo interculturale tra le due sponde del Mediterraneo: questo il tema dominante al seminario “Redefining Intercultural Dialogue in Time of Crisis, a Mediterranean Perspective “, organizzato dall’Istituto Affari Internazionali (IAI) in collaborazione con la Rete Italiana per il Dialogo Euro-mediterraneo (RIDE), capofila della rete della Fondazione Anna Lindh (ALF) in Italia.

Come ha sottolineato Pasquale Ferrara, ambasciatore d’Italia ad Algeri, la sfida e’ “costruire insieme una nuova identita’ comune” nella consapevolezza delle basi culturali condivise, coinvolgendo “tutti gli attori, societa’ civili, Ong, operatori culturali”, in una “forte partnership regionale”.

“Abbiamo cosi’ tanti legami che dobbiamo costruire un destino comune”, ha sostenuto con convinzione Elisabeth Guigou, presidente della Fondazione Anna Lindh, ricordando le “sfide senza precedenti che stiamo affrontando: disoccupazione, cambiamento climatico, sviluppo e disuguaglianza, sicurezza, terrorismo, ideologie estremiste, non solo Daesh, ma anche quelle che giocano sulla paura e sugli istinti piu’ bassi”. “Non ci puo’ essere un dialogo positivo – ha sottolineato – se i popoli non si capiscono tra loro”. Da qui, l’importanza del “dialogo interculturale, che e’ essenziale” e la necessita’ di “utilizzare tutti gli strumenti a disposizione, quelli tradizionali ma anche quelli tecnologicamente piu’ avanzati come internet e social media” sui quali viaggia il proselitismo estremista ma che possono essere anche utili per combatterlo.

E di identita’ mediterranea e di un’agenda positiva per il futuro ha parlato anche Enzo Amendola, sottosegretario agli Esteri, concludendo i lavori. “Guardando alla nostra identita’ nella regione Mediterannea e agli errori passati, dobbiamo ripartire imparando a trovare punti d’incontro ma anche a dissentire”. “Le relazioni – ha proseguito – devono essere basate su identita’, dialogo e messaggio chiari”. Due i punti chiave, “difendere il nostro patrimonio”, passato e presente, da “idee totalitarie che pongono l’identita’ come scontro e vogliono cancellarlo” e “un’agenda positiva per affrontare le sfide di fronte a noi”, creando una “partnership in grado di definire una nuova visione geopolitica”.

Citando il migration compact, Amendola ha puntato l’attenzione su “un’idea di una nuova cooperazione tra Europa e Africa. Le due parti della regione mediterranea devono fare delle partnership per il futuro: condividiamo speranze, rischi ma anche la possibilita’ di crescita culturale ed economica”. “Se guardiamo a noi non come il centro ma come la connessione tra tre continenti, vediamo una prospettiva, una possibilita’”, con “una visione futura comune che punti soprattutto sui giovani dell’area per risolvere le sfide”. (AGI)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -