A Londra riunione sediziosa per destituire Assad

 

Sei mesi di tregua e di negoziato durante i quali Bashar al-Assad potrà restare alla presidenza della Siria; poi passaggio dei poteri da Assad a “un governo di unita’ nazionale” per 18 mesi e infine nuove elezioni. E’ la proposta di transizione avanzata a Londra da una rappresentanza di oppositori e gruppi di ribelli armati siriani. (TAGLIAGOLE, NDR – VEDI FOTO)

ribelli-decapitazione2

Il piano e’ stato illustrato all’Institute for Strategic Studies da rappresentanti dei cosiddetto High Negotiations Committee (Hnc), un ombrello sotto il quale si sono raccolti oppositori e gruppi armati siriani e che gode in particolare del patrocino dell’Arabia Saudita, per essere poi discusso nei dettagli dai leader dello stesso Hnc con i ministri degli Esteri del gruppo del ‘Amici (NEMICI GIURATI, NDR)  della Siria’ (per l’Italia, Paolo Gentiloni), convocati a Londra in formato ristretto.

Secondo il capo della diplomazia di Riad, Adel al-Jubeir, sentito dalla Bbc a margine della presentazione del documento, il piano è destinato a “mettere alla prova” la buona volontà dei più importanti alleati di Damasco, vale a dire Russia e Iran. Jubeir si dichiara tuttavia “non ottimista” per ora sulla disponibilità di Mosca e di Teheran a esercitare “la necessaria pressione” su Assad affinché questi aderisca a quella che il ministro saudita definisce “la volontà della comunità internazionale” e si giunga a mettere fine alla sanguinosa guerra siriana. ANSAMED



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -