Gran muftì saudita: gli iraniani non sono musulmani

 

arabia-mufti-Abdulaziz-SheikhIl più alto responsabile religioso saudita, il grand Mufti Abdulaziz al-Sheikh , si è scagliato contro gli iraniani dopo le osservazioni del suo omologo iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei che aveva invitato il mondo musulmano a mettere in discussione la gestione da parte dei sauditi del pellegrinaggio ai luoghi sacri della Mecca e di Medina. Gli iraniani, ha tuonato il gran Mufti, “non sono musulmani”.

“Ora lo sappiamo – ha detto Abdulaziz al-Sheikh – gli iraniani non sono musulmani, sono figli dei Magi e la loro ostilità nei confronti dei musulmani, in particolar modo dei sunniti, è nota e di antica data“.

Lo scontro cade alla vigilia del pellegrinaggio annuale dei musulmani, l’ hajj, che quest’anno inizia sabato, e segue mesi di crescenti tensione tra l’Arabia Saudita (sunnita) e l’Iran (sciita).In un suo discorso Khamenei aveva in particolare messo sotto accusa la risposta da parte della autorità saudite dell’incidente dell’anno scorso, quando inuna calca erano rimati uccisi 2297 pellegrini (di cui oltre 460 iraniani). Una tragedia per cui, lamenta l’ayatollah, nessuno si è assunto le sue responsabilità e di cui nessuno è stato ritenuto colpevole. (askanews)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -