Business milionario della camorra sulle spiagge italiane

 

Lo si sente dire da tempo, “c’è la criminalità organizzata dietro al business del cocco sulle spiagge italiane”. Non è certo una leggenda metropolitana, negli anni ci sono stati arresti e indagini che lo confermano.

spiaggia-coccobello

È un vero e proprio racket, quello del cocco. Come scrive il Messaggero, è facile da gestire, con pochi rischi rispetto ad altri settori e super conveniente. Basti pensare che chi lo gestisce, alla fine dell’estate, si porta a casa dagli 800 mila al milione di euro (tutto esentasse).

Da Napoli i venditori partono, e le “paranze” vengono organizzate già in primavera: biglietto di viaggio pagato, alloggio compreso, e la garanzia del 40 per cento del ricavo giornaliero.

La zona più ambita è da sempre la Sardegna, che viene divisa in quattro “quadranti”: quello più redditizio è il lato di Olbia.

Ogni mattina alle 8 gli ambulanti sono già in spiaggia e agiscono sotto ordini precisi: nessuna risposta a domande indiscrete, lavorare duramente, segnalare eventuali “concorrenti”, e alla sera a letto presto per ricominciare il giorno dopo. Confuse tra i bagnanti ci sono anche le donne dei clan, che hanno il compito di sorvegliare i venditori, affinché non sgarrino.

Il viaggio è naturalmente a carico dell’organizzazione: ma se poi qualcuno dei «dipendenti» sgarra o non rende deve tornarsene a casa pagandosi anche il biglietto della nave.

Ma quanto si guadagna vendendo il cocco targato Napoli? Tanto. «Fino all’anno scorso la porzione costava tre euro. Quest’anno il prezzo è salito a cinque. Su ogni carico venduto ogni giorno io devo portare al capo 200 euro al giorno, ma faccio sempre almeno due tre carichi. In un mese ognuno di noi riesce a fare anche 2500 euro, che equivale al 40 per cento del netto: il resto se lo mette in tasca o mast»

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -