Attivista No Tav messo agli arresti domiciliari nel covo dei No tav

 

TORINO, 9 AGO – Un attivista No Tav è stato messo agli arresti domiciliari nell’area di pertinenza del campeggio allestito dal movimento a Venaus, in Valle di Susa. L’iniziativa è stata presa dal gip Luisa Ferracane, del tribunale di Torino, su richiesta della difesa. La procura, però, ha già chiesto la modifica del provvedimento: i pm, fra l’altro, hanno fatto osservare che è proprio il campeggio il luogo di ritrovo dei No Tav che spesso partono per le manifestazioni contro il vicino cantiere di Chiomonte.

L’attivista, Fulvio Chiosa, 64 anni, è uno degli indagati per una dimostrazione avvenuta il 28 giugno 2015. La difesa ha chiesto e ottenuto che potesse trascorrere il periodo ai domiciliari in una casupola che ospita il presidio No Tav di Venaus. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -