Milano, condannati per terrorismo: erano pronti a uccidere – video

Lassaad Briki e Muhammad Waqas, il tunisino e il pakistano condannati lo scorso 25 maggio a sei anni di carcere per terrorismo internazionale perché legati all’Isis, “erano determinati ad ‘ammazzare’ in Italia, a tratti sognavano di raggiungere il territorio dell’Is (…) per partecipare al jihad in quella terra”. Lo si legge nelle motivazioni della sentenza di condanna che la prima Corte d’Assise di Milano, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, ha depositato oggi

Ilaria Simi, il giudice estensore, riferendosi ai due, accomunati “dalla forte determinazione a commettere un qualsiasi attentato”, ha aggiunto che “in ogni caso, il loro agire – anche estemporaneo ed isolato – sarebbe stato facilmente riconducibile allo Stato Islamico, e da esso certamente rivendicato”.

Non serve – spiegano i giudici – che i lupi solitari commettano azioni violente per essere considerati pericolosi ed essere perseguiti. «L’esecuzione di un’azione terroristica in genere segna anche il momento in cui l’intervento repressivo dello Stato è ormai inutile». Da qui la necessità dell’«anticipazione» delle contromisure, «con la configurazione di un reato di pericolo».

L’Isis ordina «di colpire gli infedeli ovunque si trovino, cosicché ogni aderente sa perfettamente qual è il suo compito, la cui esecuzione dimostra la condivisione e il perseguimento degli scopi dell’associazione e viene perciò dalla stessa rivendicato». È il «terrorismo individuale»– NON SOLITARIO

terrorismo-milano

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -