Gorizia, business migranti: Medici senza Frontiere e Coop

Condividi

 

 

ORETI: A GORIZIA I CONTAINER DI MEDICI SENZA FRONTIERE CAMBIANO GESTIONE E DAL TITOLO GRATUITO PASSANO SOTTO CONVENZIONE CON I FAMOSI 35 EURO + IVA PER MIGRANTE ECONOMICO

msfFinalmente è stato svelato l’arcano! Dopo l’accoglimento da parte dell’amministrazione comunale della domanda presentata dall’arcidiocesi per estendere la permanenza dei container di medici senza frontiere a Gorizia, le figure che tanto hanno a cuore la permanenza dei moduli abitativi per i migranti economici hanno annunciato agli organi di informazione che a fine mese MSF lascerà la gestione dei moduli a favore di una ben nota cooperativa pronta a stipulare la convenzione con la prefettura che come è noto comporta i “famosi” 35 euro + iva per ciascun migrante accolto.

Questo l’argomentare del capogruppo della lista civica “Per Gorizia” e segretario provinciale di Autonomia Responsabile, Fabrizio Oreti.

Appare lampante il quadro che si è venuto a delineare: Sfruttando l’attuale legge (che risulta essere inadeguata e/o non attinente al problema specifico visto che la richiesta per la permanenza dei container per i migranti economici è equiparata ad una normale concessione edilizia di routine) si è garantita la permanenza dei container in città, ed ora ottenuta questa certezza, guarda caso, subentra una cooperativa che attraverso i 35 euro + iva per migrante gestirà il nuovo centro di accoglienza.

Sia chiaro per la giunta regionale (che non ha mai applicato il piano di equa distribuzione dei profughi) e per la prefettura – evidenzia Oreti – che con questo nuovo scenario, Gorizia diventa a tutti gli effetti la città dell’accoglienza obbligata a tutti i costi, visto che considerati i posti disponibili la città difficilmente scenderà sotto quota 200 profughi (mentre dovrebbe accoglierne al massimo 70) alla luce delle troppe strutture di accoglienza presenti a Gorizia che non permetteranno di far scendere questo inaccettabile numero.

Mentre Regione e Governo sembra che abbiano deciso di far assuefare i cittadini di Gorizia a dover percepire quote extra di migranti economici,

Mi aspetto che il Sindaco, come primo cittadino, tiri le fila nella maggioranza per iniziative politiche forti perché – termina Oreti – preme pretendere rispetto per la città e per i cittadini che vengono ancora una volta penalizzati e beffati a discapito dei tantissimi comuni della provincia che non accolgono nessuno.

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Gorizia, business migranti: Medici senza Frontiere e Coop”

  1. Accoglienza disinteressata,altruista e commovente fino alle lacrime!

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -