Jobs act, UIL: “quasi buttati al vento 18 miliardi di euro”

 

jobs act

Lavoro – Polemica la reazione dei sindacati. “Che fine hanno fatto i milioni di posti di lavoro creati con il Jobs act?”, è la domanda posta dal segretario confederale della Cgil Serena Sorrentino. “Potremmo commentare che a noi i conti tornano, visto che avevamo stimato sia l’effetto doping del Jobs act che il decalage delle assunzioni”, risponde. “Il drastico crollo dei contratti a tempo indeterminato, certificato dall’Inps, è davvero molto preoccupante, ma non ci sorprende affatto. Purtroppo, siamo stati facili profeti: il mercato del lavoro era drogato da un eccesso di decontribuzioni.

Si potrebbe dire che sono stati quasi buttati al vento 18 miliardi“, affonda il leader della Uil, Carmelo Barbagallo. Promuove invece le scelte del governo la Cisl. I dati Inps certificano un calo nelle assunzione a tempo indeterminato ma “la riduzione del costo del lavoro è una scelta giusta, richiesta da tempo dal sindacato, e per la quale vanno trovate soluzioni a regime”, fa notare il segretario confederale Cisl, Gigi Petteni. adnkronos

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -