Bergoglio: il “prossimo” non ha limiti di nazionalità o religione

 

Il “prossimo” che Gesù invita ad amare non può essere classificato in base alla comune nazionalità o religione. E’ l’insegnamento che Papa Francesco, che solo una settimana fa di ritorno dall’isola di Lesbo ha portato con sé dodici rifugiati siriani tutti musulmani, ha tratto oggi dalla parabola evanglica del Samaritano, nel corso dell’udienza generale in piazza San Pietro.

Un dottore della legge, ha ricordato Francesco commentando il Vangelo, pone a Gesù una domanda, “Chi è mio prossimo?”, “e sottintende: i miei parenti? I miei connazionali? Quelli della mia religione?…. Insomma – ha proseguito il Papa – vuole una regola chiara che gli permetta di classificare gli altri in ‘prossimo’ e ‘non-prossimo’. Quelli che possono diventare prossimo e quelli che non possono diventare prossimo”.

Francesco ha rievocato allora la parabola del buon Samaritano, “che mette in scena un sacerdote, un levita e un samaritano. I primi due sono figure legate al culto del tempio; il terzo è un ebreo scismatico, considerato come uno straniero, pagano e impuro, e cioè il samaritano. Sulla strada da Gerusalemme a Gerico il sacerdote e il levita si imbattono in un uomo moribondo, che i briganti hanno assalito, derubato e abbandonato. La Legge del Signore in situazioni simili prevedeva l’obbligo di soccorrerlo, ma entrambi passano oltre senza fermarsi. Forse avevano fretta”, ha detto il Papa. “E qui la parabola ci offre un primo insegnamento: non è automatico che chi frequenta la casa di Dio e conosce la sua misericordia sappia amare il prossimo. Non è automatico … Il sacerdote e il levita vedono, ma ignorano; guardano, ma non provvedono. Eppure non esiste vero culto se esso non si traduce in servizio al prossimo. Non dimentichiamolo mai: di fronte alla sofferenza di così tanta gente sfinita dalla fame, dalla violenza e dalle ingiustizie, non possiamo rimanere spettatori. Ignorare la sofferenza dell’uomo significa ignorare Dio!”.

Per il Papa, in generale, “tu puoi diventare prossimo di chiunque incontri nel bisogno, e lo sarai se nel tuo cuore hai compassione”.”Ognuno”, ha detto il Papa, “deve guardare nel cuore se ha la fede di questa compassione di dio il dio buono che ci compatisce ci guarisce ci carezza, e se noi lo rifiutiamo lui aspetta è paziente sempre accanto a noi”. askanews



   

 

 

3 Commenti per “Bergoglio: il “prossimo” non ha limiti di nazionalità o religione”

  1. EG BERGOGLIO . IO SONO erede del sudore di mio padre di mio nonno del mio bisnonno con tutte le ramificazioni della società fra parenti. che formano uno Stato , con tutte le sue debolezze, arroganze.
    Il “Prossimo” al mondo per la loro natura geografica , non hanno avuto bisogno di scarpe di vestiti ecc… ecc… nella vita il sudore per qualche capanna, ora vengono tra noi “il prossimo” senza alcuna maturità civile e di rispetto . di quello che trovano. Addirittura speculano . rubando . ammazzando ecc…
    Non c’è giorno che in italia per non dire in tutta europa. si leggono fatto criminali.-
    Nessuno si rende conto- compreso i benpensanti , i pacifisti, che stanno aprendo la porta ad un partito despota totalitario. sia di destra o di sinistra – La storia è piena di Tiranni.- f.to / Caligola.!

  2. Bergoglio ci ha dato un esempio di ciò quando è andato a Lesbo: il suo “prossimo” sono soltanto i mussulmani, ha importato in Italia (non in Vaticano) soltanto dei mussulmani, mentendo spudoratamente sul fatto che “non c’erano cristiani con i documenti in regola” ma se ai cattolici piace farsi trattare come idioti, facciano pure, “chi sono io per giudicare”

  3. E se lo dice lui,si può essere certi del contrario!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -