Bimba da 9 anni in casa famiglia, padre denuncia Presidente del Tribunale minorile

Fatemi fare il padre!

Un uomo denuncia il Presidente del Tribunale minorile di Torino, dopo aver registrato l’udienza, che gli nega di stare con la figlia, da nove anni in casa famiglia.

bimba

TORINO. Chiede solo di fare il padre, ma il Tribunale dei Minorenni di Torino e i Servizi sociali, con evidenti, manifeste omissioni, glielo negano. In dieci anni l’uomo ha potuto vedere la figlia undicenne, costretta a vivere in una casa famiglia, soltanto nove volte, perché gli assistenti sociali e il personale che avrebbero dovuto organizzare gli incontri con la figlioletta “non avevano il piacere di avere che fare” con lui, che in questi anni di frustrazione continua si è lasciato andare a esternazioni eccessive, inappropriate sì, ma sicuramente comprensibili.

L’incredibile ammissione è stata dichiarata nel corso dell’ultima udienza tenutasi a marzo, che il padre, persa ormai la fiducia nei Servizi sociali, ha registrato in toto. «A parte la gravità dell’ammissione che sta alla base della motivazione per cui per dieci anni un padre è stato tenuto lontano dalla propria figlia» dichiara l’avvocato Francesco Miraglia, che si sta occupando della vicenda in qualità di legale del padre, «nulla di quanto è emerso nel corso di quell’udienza è stato messo a verbale, nonostante le mie insistenti richieste. Non ne sarebbe rimasta traccia alcuna se il papà non avesse registrata l’intera udienza e successivamente a trascritta con un a perizia giurata.: un fatto di una gravità inaudita. Per questo motivo e alla luce della sua mancanza di imparzialità, il mio assistito oggi ha denunciato alla Procura della Repubblica il Presidente del Tribunale dei Minori per falso ideologico e abuso d’ufficio depositando tra l’altro al registrazione e trascrizione intergrale dell’udienza del 3 marzo u.s. : di conseguenza ho chiesto la ricusazione del medesimo Presidente a seguire la vicenda e invito a riprendere il percorso per far sì che padre e figlia possano finalmente incontrarsi e comincino ad instaurare un rapporto tra loro.

Intanto il Pubblico ministero ha richiesto l’avvio del provvedimento di adottabilità della ragazzina, pur avendo lei un genitore che la accoglierebbe immediatamente a braccia aperte, inserendola nel nuovo nucleo familiare che nel frattempo si è creato.

«Nonostante le numerose istanze, nonostante i numerosi interventi, nonostante un provvedimento del Tribunale per i Minorenni, che disponeva che i genitori e gli altri parenti potessero incontrare la ragazzina ogni quindici giorni, non è mai stato possibile effettuare alcun incontro tra padre e figlia» dichiara l’avvocato Miraglia. «Il mio assistito ha potuto vederla non più di nove giorni in dieci anni di vita comunitaria della ragazzina!». Adesso il Tribunale vorrebbe valutare la capacità genitoriale dell’uomo. «Ma sulla base di cosa» sostiene Miraglia, «dal momento che non gli è mai stato consentito di fare il padre con lei? E se la madre a volte la vede, il padre proprio non lo ha quasi mai incontrato: come si può pensare che la ragazzina manifesti il desiderio di incontrare un padre che le è sempre stato tenuto lontano. I Servizi sociali non solo non hanno favorito gli incontri, ma li hanno addirittura osteggiati. Non è mai nemmeno stata preparata ad affrontare eventuali visite da un professionista che la aiutasse a recuperare l’interesse, la fiducia e l’amore nei confronti della figura paterna. E tutto sulla base di una “mancanza di piacere nel farlo”. Un simile atteggiamento va sanzionato e, in primis, va ricusato il Presidente del Tribunale che lo ha consentito».

Studio legale Miaglia

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -