50 giuristi firmano un documento contro la riforma costituzionale

 

Renzi BoschiROMA, 22 APR – La riforma costituzionale che sarà sottoposta a referendum in autunno, partita da “condivisibili intenti di miglioramento delle nostre istituzioni”, si è tradotta in una “potenziale fonte di nuove disfunzioni del sistema istituzionale” per diversi motivi:

  • “si è configurato un Senato estremamente indebolito”;
  • per superare il bicameralismo perfetto si è delineata “una pluralità di procedimenti legislativi differenziati” “con rischi di incertezze e conflitti”;
  • alla Regioni, il cui assetto esce “fortemente indebolito”, si toglie “quasi ogni spazio di competenza legislativa”.

La riforma, poi, ha l’obiettivo di ridurre i costi, ma questo non si ottiene tagliando il “numero di persone investite di cariche pubbliche“.

E’ quanto si legge in un documento firmato da una cinquantina di costituzionalisti, tra cui Valerio Onida e Gustavo Zagrebelsky, che pur convinti della necessità di una riforma, si dicono contrari a quella varata, in cui ci sono “aspetti positivi”, ma “non tali da compensare gli aspetti critici”. ansa

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -