Efferata rapina a sacedote, notificato arresto a un albanese

 

NAPOLI, 16 APR – Nel dicembre del 2015, con un complice, ha messo a segno un’efferata rapina ai danni di un sacerdote, brutalmente malmenato, legato con nastro adesivo a una sedia e poi chiuso nel bagno della sacrestia di una chiesa a Fisciano (Salerno).

I carabinieri di Salerno hanno individuato uno dei due banditi, Jakimi Ardit, albanese di 24 anni, a cui ieri pomeriggio è stata notificata un’ordinanza di arresto nel carcere Poggioreale di Napoli dove si trova per un altro colpo analogo. L’episodio è avvenuto la sera del 19 dicembre: il sacerdote venne sorpreso dai due rapinatori incappucciati e armati all’uscita dalla canonica della chiesa di Sant’Anna dove si era recato per riavviare la caldaia. Dopo essere stato preso a calci e pugni, i due, sotto la minaccia di una pistola e di un cacciavite, lo costrinsero a rivelare dove custodiva i soldi. I rapinatori, successivamente, chiusero il sacerdote nel bagno della sacrestia per fare razzia, indisturbati, degli oggetti sacri di valore. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -