Migranti, l’esercito svizzero si prepara a proteggere le frontiere

 

4000 soldati pronti a sostenere le autorità civili e le Guardie di confine

 

www.tvsvizzera.it  L’Esercito si prepara a sostenere le autorità civili e le guardie di confine in caso di un massiccio afflusso estivo di migranti. Quella che fino a martedì mattina era un’ipotesi, ora è realtà.

I corsi di ripetizione di quattro battaglioni [in Svizzera, l'istruzione militare prevede il rientro in servizio una volta l'anno per alcuni anni dopo la formazione di base, ndr.] sono stati ufficialmente spostati a luglio e agosto. Le vacanze già prenotate non saranno un motivo valido per chiedere un differimento del servizio.

Dalla teoria alla pratica. L’Esercito si prepara ad affiancare le autorità civili nella probabile emergenza migranti estiva e modifica, ufficialmente, il piano dei corsi di ripetizione per il 2016, anticipando da settembre al periodo luglio-agosto il servizio di circa 4 mila soldati di 4 battaglioni: blindati, polizia militare, zappatori carristi e aiuto in caso di catastrofe – scelti non perché è già chiaro cosa dovranno fare e dove, ma più che altro per motivi organizzativi.

svizzera-esercito2

“I soldati saranno messi a disposizione delle autorità civili, magari delle guardie di confine”, spiega Walter Frick del Dipartimento federale della difesa. “Noi non decidiamo dove veniamo impiegati, noi dobbiamo solo essere a disposizione.”

Almeno 2 mila di questi soldati dovranno rispondere all’appello, anche se ciò dovesse voler dire -per esempio- annullare le vacanze già prenotate, perché un ordine di marcia è un ordine di marcia e può essere sospeso solo per motivi professionali o di studio.

“Di base”, dice ancora Frick, “un ordine di marcia deve essere rispettato. Noi lo sappiamo che certe persone hanno già prenotato le vacanze e dunque chiederanno un rinvio del corso; siamo pronti a valutare le richieste, ma chiaramente non potremo accettarle tutte.”

Il Dipartimento della difesa al momento non è in grado di dire se saranno previsti dei risarcimenti. Bisognerà vedere quante richieste arriveranno e poi si farà il punto della situazione.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -