Ragazzina grave dopo l’aggressione dei Rom, la madre: “Viviamo nella paura”

 

 

nomadiPISTOIA – «Mia figlia è in un letto di ospedale, con i drenaggi attaccati e io non riesco a pensare che qualcuno possa di nuovo farle del male». Parla tra le lacrime, nel reparto di chirurgia del San Jacopo, la mamma della ragazzina che martedì pomeriggio, nel piazzale davanti alla stazione ferroviaria di Pistoia, è stata presa a calci e a pugni e ferita con profondi tagli alla schiena, inferti con un punteruolo.

Gli aggressori, un uomo e una donna adulti, e due ragazzine minorenni, sono stati rintracciati dai carabinieri e denunciati in stato di libertà per lesioni personali aggravate in concorso. L’uomo, 35 anni, vive nel campo rom di Sant’Agostino, mentre la donna di 50 anni e le altre due ragazze minorenni, parenti dell’uomo, vivono in private abitazioni.

L’agguato sembra ormai certo che sia stato preparato dai quattro per vendicarsi della testimonianza resa dalla mamma dell’adolescente, durante alcune indagini portate avanti dagli uomini della Squadra Mobile su alcuni scippi commessi a Pistoia tra gennaio e febbraio.

Piu’ informazioni su LA NAZIONE



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -