Crollo dei contenuti su Facebook, Zuckerberg preoccupato

 

Roma – Se il tempo che trascorriamo su Facebook resta elevato, stiamo usando il social network sempre meno per raccontare la nostra vita e sempre più per diffondere link, video e articoli di giornale da segnalare ai nostri contatti. E Mark Zuckerberg non sarebbe contento di ciò, tanto che avrebbe incaricato una squadra di addetti di capire come risolvere il problema. Lo raccontano a Bloomberg fonti interne all’azienda, che avrebbe battezzato questa situazione ‘context collapse’.

Zuckerberg

Gli 1,6 miliardi di profili che risultano iscritti al social network, pubblicando un video musicale piuttosto che una loro foto al bar con gli amici, rendono più difficile la creazione di un’offerta pubblicitaria su misura, ovvero la principale fonte di guadagno della società. In soldoni: meno facciamo sapere a Facebook della nostra vita, più si abbassa il valore economico dei dati personali che gli abbiamo fornito gratis. I numeri sarebbero davvero preoccupanti.

Il problema era stato sollevato da Zuckerberg meno di un anno fa durante una riunione con i massimi dirigenti della compagnia. Già allora il calo dei cosiddetti ‘contenuti originali’ era a due cifre. Oggi rispetto a metà 2015 – hanno rivelato a ‘The Information’ fonti dell’azienda - la flessione sarebbe pari al 21%, a fronte di un calo della quantità di materiale condiviso sul social network pari a solo il 5,5%. Quello che sta cambiando è quindi la maniera nella quale gli iscritti usano Facebook, sempre meno un diario pubblico, sempre più una specie di rassegna stampa personalizzata.

Di recente il calo sarebbe stato frenato dall’estensione delle funzionalità Live Video, dallo snellimento dell’applicazione Facebook di Android (che rende più semplice pubblicare), dalla funzione ‘On this day’ (che segnala vecchi post da ricondividere) e soprattutto dalla modifica dell’algoritmo, che ora ci fa apparire sulla homepage un maggior numero di ‘contenuti originali’. Ma non basterebbe. Anche perché a essere sempre più attenti alla loro privacy sono soprattutto i più giovani.

Il calo più consistente delle condivisioni di ‘materiale originale’, spiegano le fonti, arriva proprio dagli under 30. E’ facile intuire perché. Un venticinquenne rischia più facilmente di essere taggato in una foto imbarazzante o di scrivere uno stato eccessivamente impulsivo per poi pentirsene e rivedere le proprie abitudini di navigazione.

Quel che è certo è che Zuckerberg non si arrenderà facilmente. Questa settimana lo stesso papà di Facebook ha pubblicato un video appello (guardato da oltre 5 milioni di persone) nel quale invitava gli iscritti a pubblicare video di qualsiasi cosa volessero, sedute dal parrucchiere comprese. Gli utenti che si raccontano in rete sarebbero però ormai diventati una minoranza. Continuando a spulciare i dati diffusi da ‘The Information’, risulta che in una settimana media il 57% degli iscritti pubblica almeno uno stato. Di questo 57%, però, solo il 39% pubblica ‘contenuti originali’. Le ragioni di questo declino risiedono probabilmente nel gran numero di ‘amicì che si raccoglie durante anni di frequentazione del social network. Più ‘amici’ (alcuni dei quali totali sconosciuti) si hanno, meno si avrà voglia di rivelarsi. Facebook non è più percepito come un luogo sicuro sul quale condividere informazioni sulla propria vita e non è impossibile che vicende come il caso Nsa abbiano giocato un ruolo nella svolta. La crescita esponenziale del social network più popolare del mondo sta cambiando per sempre la maniera in cui le persone lo usano. (AGI)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -