Turchia: completato quasi un terzo del muro al confine con la Siria

 

muro-turchia-siria

In Turchia un terzo del muro di cemento attualmente in costruzione al confine con la Siria è stato completato. Dei 911 chilometri totali previsti, ne sono stati realizzati 300, hanno dichiarato i servizi di sicurezza turchi all’agenzia di stampa “Anadolu”. Per la costruzione del muro il ministro dell’Interno, Efkan Ala, ha assegnato quasi 250 milioni di lire turche (87,9 milioni di dollari) ai governatorati delle province di Sirnak, Mardin, Sanliurfa, Kilis, Gaziantep e Hatay. Il muro, che avrà una larghezza di due metri e un’altezza di tre, viene costruito con blocchi modulari in cemento e sarà pronto probabilmente il prossimo anno.

Secondo le stesse fonti, lungo il confine saranno predisposte anche delle recinzioni di filo spinato. Le altre misure di sicurezza previste lungo il confine tra i due paesi comprendono 365 chilometri di fossati nelle regioni di Gaziantep, Kilis, Mardin, Sanliurfa e Hatay, sistemi di illuminazione, il dispiegamento di pattuglie a distanza di 50 metri una dall’altra e il rafforzamento dei posti di blocco. Le forze di sicurezza controlleranno il confine 24 ore su 24 e saranno coadiuvate da telecamere di sorveglianza installate in alcuni punti strategici.

L’esercito turco ha avviato la costruzione del muro nell’estate scorsa in funzione anti-Stato islamico. (agenziaNova, che ringraziamo)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -