Caritas Treviso: 300 euro al mese per accogliere un profugo in famiglia

 

profughiTREVISO – Riparte il progetto della Caritas Tarvisina “Rifugiato a casa mia”, che dà la possibilità ai trevigiani di aprire le porte di casa ad un profugo e ospitarlo per sei mesi. Dopo la prima fase, il progetto si prepara ad un nuovo ciclo che prende quattro incontri di formazione con le famiglie interessate.

Come scrive oggitreviso,  giovedì 31 marzo c’è sata la presentazione del progetto alla cittadinanza, presso la sede di Caritas.

Il progetto è nato al fine sperimentare la forma di accoglienza diffusa in famiglie, di rifugiati e titolari di protezione internazionale. Nel progetto, infatti, non verranno coinvolti migranti appena sbarcati sulle coste italiane, ma rifugiati richiedenti protezione e titolari di permesso umanitario. Le famiglie potranno accogliere un solo profugo su base volontaria o con un rimborso minimo di 300 euro al mese, sufficiente a garantire il rimborso di vitto e alloggio per il rifugiato nei sei mesi di accoglienza. “La cosa più importante – precisa la Caritas – sarà vivere, attraverso la convivenza con persone provenienti da altri paesi, un’esperienza di solidarietà e condivisione”.



   

 

 

1 Commento per “Caritas Treviso: 300 euro al mese per accogliere un profugo in famiglia”

  1. Iniziativa inaccettabile, con tutti gli ITALIANI bisognosi,voi cosa fate ….pensate a questi… non ci sono parole da dire ,anzi ci sarebbero ma non voglio essere volgare….. poi venite a chiedere a noi ITALIANI di donare alla caritas, bella roba…

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -