22mila euro a chi si ammala di tubercolosi

 

TubercolosiLa tubercolosi (o tisi) era un tempo una malattia gravissima. Agli inizi del secolo scorso rappresentava la seconda causa di morte, diffusa soprattutto fra i ceti poveri. Non vi era nessuna cura se non l’aria pura, una dieta ricca e il sole. Chi non moriva ne sopportava le conseguenze a lungo, isolato nei sanatori.

Provocata da alcuni micobatteri, l’infezione si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva. I sintomi più conosciuti sono tosse cronica, febbre alta e perdita di peso (ma ce ne sono molti altri). Sotto il fascismo venne considerata “malattia sociale”, il regime adottò ammirevoli provvedimenti a favore dei più cagionevoli, ad esempio distribuí sussidi economici per i lavoratori che si ammalavano.

Differenza fra la prima metà del ‘900 e oggi.

Anno dopo anno, in Italia, il numero dei malati si è ridotto enormemente, nonostante i flussi migratori e l’alta contagiosità. L’ Oms parla di 3.600 casi in Italia nel 2014 e di 290 morti fra le persone immunodepresse. E i dati ECDC mettono in luce che il 60% degli infettati è straniero.

“Si è visto che nel 90% dei contagi la malattia non esplode (di conseguenza chi contrae il batterio non rappresenta un pericolo per gli altri) e che soltanto un 10% delle persone infette sviluppa tubercolosi e diventa contagiosa” ha spiegato Stella Egidi, responsabile medico per l’Italia di Medici Senza Frontiere.

Insomma, la Tbc è molto meno frequente di una volta, quando c’è, la si diagnostica in tempo e la si cura (anche se le terapie devono prolungarsi per almeno sei mesi). Sono migliorate le condizioni di vita, si fa profilassi su chi entra in contatto con i malati e i medici sono più preparati.

Inoltre, si calcola che il 10% degli italiani siano portatori sani di Tbc. Si ammala più difficilmente chi è ben nutrito e ha un buon sistema immunitario, “non vi è un bacino geografico privilegiato per la tubercolosi, consideriamo però la povertà un fattore di rischio” ha aggiunto la dottoressa.

Un altro dato: dal 1955 al 2008 l’incidenza è passata da 12.247 casi a 4.418 e il tasso di mortalità è sceso dal 22,5 per 100mila abitanti allo 0,7.

Eppure, la legge fascista a favore degli ammalati di Tbc è rimasta, attraversando indenne i decenni, i governi e i loro scontri. Il benefit, poi, è stato aggiornato al costo della vita ed esteso anche ai non lavoratori, ai migranti senza permesso e ai loro familiari con Tbc conclamata. Oggi chi si ammala di Tbc riceve a occhio e croce 22mila euro a testa. Solo in Italia.

L’accesso degli immigrati a sicurezza sociale e sanità in Italia: politiche e prassi

Ha senso questo sussidio, oggi, quando comunque le visite e le terapie sono gratis? E perchè non trattare allo stesso modo le altre malattie? Se lo chiede, fra gli altri, l’infettivologo Fabio Franchi che ci ha spiegato nel dettaglio come è ripartita l’indennità: “Per i primi 180 giorni di malattia si ricevono 2.334 euro, solo in caso di reddito insufficiente. Vi ė poi un’indennità per due anni, pari a 15.782 euro, che viene data a tutti i malati indipendentemente dal reddito. Per tutti ci sono anche l’assegno di sostentamento per due anni (2093 euro), e lo speciale di Natale di 1.340 euro per due anni, più un altro bonus per le feste di 174 euro.

All’Inps confermano e rimandano al sito per le informazioni. Valgono due precisazioni: l’indennità si ottiene solo se si accettano le cure e se si compilano i moduli.
Come vedete da tabella allegata sono 1.320 i malati che ricevono l’indennità giornaliera e 2.604 quella post sanatoriale, più i loro familiari.

dal blog di Gioia Locati – - il Giornale

tabella-tbc



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -