Terrorismo, Psicoterapeuta: bisogna imparare a vivere nella società del terrore

 

isis-parigi4

Dopo gli attentati di Bruxelles, che seguono quelli di Parigi del 13 novembre, la paura come i livelli di allerta sono cresciuti anche in Italia. Come convivere dunque con la paura del terrorismo che sta dilangando in Europa? Che cosa bisogna fare? Chiudersi in casa o reagire? E come? La psicoterapeuta Margherita Spagnuolo Lobb, direttrice dell’Istituto di Gestalt Hcc Italia, ha dato qualche consiglio, creando una sorta di manuale di sopravvivenza nella società del terrore, per capire che cosa fare e cosa evitare.

NON LASCIARSI PRENDERE DALL’ANSIA. L’ansia porta ad amplificare la reale portata degli eventi. “La prima reazione di fronte a questi eventi è la desensibilizzazione, il nascondersi dietro il ‘non è successo a noi’. La paura arriverà tra qualche giorno quando i nostri figli torneranno a viaggiare per andare a studiare fuori, quando la moglie attenderà il marito che è fuori per lavoro. E’ importante allora lasciarsi aiutare da esperti e familiari perché la paura che resta incitata nella nostra psiche non si trasformi in attacchi di panico o depressione”, ha spiegato l’esperta.

INFORMARSI PER INQUADRARE IL PROBLEMA. Questa è un’altra mossa da compiere: approfondire le tematiche relative al terrorismo può aiutare a rendere più tangibile una questione che sembra inafferrabile e a riportarla a una dimensione concreta e gestibile. “Fiutare il pericolo è qualcosa che abbiamo disimparato – ha spiegato la psicoterapeuta – ma oggi siamo chiamati a guardarci intorno, a essere curiosi anche di chi si aggira intorno a noi in metro o in aeroporto”.

SEGUIRE RITMI E SCHEMI CONSOLIDATI AIUTA. L’addestramento militare lo insegna: le azioni routinarie possono aiutare ad affrontare situazioni a forte rischio di stress. “Condurre una vita ordinata, regolare potrà essere di aiuto nel tener basso il livello di stress“, ha spiegato Spagnuolo Lobb.

CONTINUARE A CONDURRE UNA VITA NORMALE. I terroristi hanno come obiettivo quello di far crollare le nostre certezze. Essere abitudinari aiuta e anche continuare la propria vita normale aiuta a non lasciarsi trasportare nella spirale del terrore. Bisogna sforzarsi di non cedere al terrore. In tempo di guerra, succedeva la stessa cosa: i civili, per quanto possibile, cercavano di continuare la vita di sempre, sia perché non ci si può arrendere alla paura sia perché questo è un modo per esorcizzarla.

CON LA PAURA SI DEVE CONVIVERE. La paura è uno stato d’animo utile: serve a sopravvivere. Ma bisogna saperci convivere: da un lato non va sopravvalutata, per non correre il rischio che diventi padrona della nostra mente e delle nostre azioni; dall’altra non va nemmeno sottovalutata, perché in questo caso si rischia di diventare incoscienti e di sfidare la sorte. “Per aiutare le persone a convivere con la paura si potrebbero creare spazi di condivisione delle emozioni: condividere i vissuti di eventi traumatici aiuta a superare la solitudine in cui spesso ci chiudiamo dopo fatti di questa portata”.

RESPIRARE E SGOMBRARE LA MENTE. Battere la paura è un esercizio mentale: la paura sta nella nostra mente. “Come l’arte della meditazione aiuta a sgombrare la menta dai pensieri, lo stesso si può fare con il terrore che si impadronisce di noi”, ha spiegato la dottoressa. “Per imparare a dominarlo bisogna imparare a dominare se stessi. Come per gli attacchi d’ansia anche per la paura si può ricorrere ad alcuni esercizi: chiudere gli occhi, respirare profondamente, ripetere ‘non ho paura’. È un percorso lungo, che richiede il ritrovamento del contatto con se stessi e con le proprie emozioni”, ha aggiunto la psicologa.

di LaPresse   -   Sito web



   

 

 

2 Commenti per “Terrorismo, Psicoterapeuta: bisogna imparare a vivere nella società del terrore”

  1. invece di tutte queste chiacchiere chiediamoci CHI e PERCHE’ ci ha messo in questa situazione. Poi procediamo con la DISINFESTAZIONE.

  2. E cacciare L’ISLAM dall’ITALIA , il toccasana risolutivo contro l’ansia e la paura !!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -