Eurogruppo: Italia non rispetta la regola sul debito, deficit peggiorato

 

Eurogrouppo Padoan

“Pur riconoscendo che il rapporto debito-Pil si è stabilizzato nel 2015 e che si prevede di che inizi a diminuire nel 2016, il livello alto del debito rimane una fonte di preoccupazione”. Così l’Eurogruppo nelle conclusioni dell’incontro di oggi, nella parte dedicata all’Italia. “Si segnala che – prosegue la nota – sulla base delle stime dell’inverno, l’Italia non è in linea per essere conforme alla norma sul debito nel per il 2015 e il 2016″. L’Eurogruppo precisa che “in questo contesto guardiamo avanti alla prossima valutazione di primavera” della Commissione Ue. Nel frattempo i ministri delle Finanze dell’eurozona esortano il governo italiano: “Accogliamo con favore gli impegni dell’Italia ad attuare le misure necessarie per garantire che il bilancio 2016 sia compatibile con le regole”.

In Italia “sono state adottate ulteriori misure che aumentano il deficit rispetto alla valutazione di novembre e c’è il rischio di deviazione significativa dal percorso richiesto di avvicinamento al suo obiettivo a medio termine”, scrive l’Eurogruppo nelle conclusioni che hanno valutato le leggi di stabilità 2016. Secondo le previsioni invernali della Commissione Ue, il saldo strutturale dovrebbe deteriorarsi dello 0,7% del Pil nel 2016, “mentre è richiesto un miglioramento dello 0,1%, tenendo conto della flessibilità già concessa”. L’Eurugroppo sottolinea inoltre che “anche se il massimo potenziale addizionale di flessibilità verrà concesso, il rischio di deviazione significativa può permanere”. (La Presse)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -