Borghezio: Cosa fa la Ue per arginare il reclutamento delle donne nel’Isis?

 

jihad-womenL’8 marzo è parso a Borghezio il ‘giorno giusto’ per un’interrogazione con cui porre all’attenzione della Commissione Europea il gravissimo fenomeno, in crescita continua, del reclutamento delle donne nel jihad.

Borghezio scrive che “la presenza di donne nel terrorismo di matrice jihadista in concomitanza con l’affermarsi di DAESH, come dimostrato dal crescente numero di aspiranti mujahidat europee, per lo più giovani e di varia estrazione sociale, che tentano di rag¬giungere il teatro siro-iracheno”.

“Scopo del viaggio – continua Borghezio – è solitamente il ricongiungimento con il coniuge sul fronte o l’unione con un militante conosciuto anche via internet nel jihad al nikah (“matrimonio per il jihad”), in adesione ai proclami di DAESH nei quali si esortano le musulmane a contribuire al popolamento del Califfato e ad “allevare” le nuove generazioni”.

L’On. Borghezio sottolinea che “non mancano casi di estremiste impegnate in attività di proselitismo e reclutamento, soprattutto on-line, di suppor¬to logistico (ad esempio, trasportando denaro) e di natura operativa. Emblematica, tra l’altro, la creazione in Siria e Iraq di due brigate di DAESH composte da sole donne con compiti di “polizia”, specie per la rigida verifica che la condotta della popolazione femminile sia in linea con i dettami sharaitici” e chiede: “la Commissione quali specifiche misure intende attuare per arginare e contrastare questo crescente fenomeno ?”
Mario Borghezio
Deputato Lega Nord al P.E.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -