Vietato dire “giudice politicizzato”, Ostellino condannato a risarcimento di 140mila euro

 

ostellinoVietato accusare un magistrato di essere “politicizzato”.  È per questo che l’ editorialista del Corriere della sera Pietro Ostellino è stato condannato dal Tribunale di Brescia a risarcire 140 mila euro a due magistrate del collegio giudicante del “caso Ruby”.

In un paio di articoli pubblicati a luglio 2013, infatti, il giornalista aveva criticato la condanna ai danni dell’ ex premier Silvio Berlusconi (7 anni in primo grado per concussione e prostituzione minorile, poi è stato assolto in Appello e in Cassazione). In pratica, Ostellino accusava di eversione le giudici che secondo lui avrebbero con quella sentenza, per ragioni politiche, provato a eliminare in via giudiziaria un personaggio contro il quale nutrivano dei preconcetti.

Secondo il Tribunale di Brescia, affermazioni di questo tipo non possono rientrare nel diritto di critica poiché non si trattava di semplici valutazioni sull’ operato dei magistrati ma di attribuzione di fatti molto gravi. Quindi, sostengono i giudici, il giornalista avrebbe dovuto dimostrarli per poterli utilizzare come presupposto delle opinioni espresse.

dal FATTO QUOTIDIANO



   

 

 

1 Commento per “Vietato dire “giudice politicizzato”, Ostellino condannato a risarcimento di 140mila euro”

  1. Un vero furto di legge! L’avesse detto un poveraccio o un immigrato, il Giudice non avrebbe fatto causa. Per censurare le idee delle persone scomode, si servono della diffamazione o dell’ingiuria. Certe cose, bisogna mandarle a dire da chi non ha niente da perdere.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -