Lettere a ImolaOggi: storia del piccolo imprenditore che sfida UniCredit

Lettere a ImolaOggi, riceviamo e pubblichiamo

Sono un imprenditore pugliese di 42 anni e scrivo da Taranto.
La mia storia qualcuno la definisce incredibile ma aldilà di questo penso che sia giusto renderla pubblica anche per aiutare tanti imprenditori che come lo scrivente si sono trovati in situazioni simili.

I fatti

unicreditNel 2013 denunciai UniCredit per usura ed estorsione presso la Guardia di Finanza di Bari, le indagine vennero avviate presso la procura competente e sono ancora in corso.
In pratica lamentavo come molti imprenditori ormai negli ultimi tempi, la usurarieta’ di mutuo e fido di cc attraverso cui la mia impresa realizzo delle ville sul mare a vendersi……oltre al comportamento assolutamente ed inequivocabilmente ostruzionistico di alcuni funzionari della Banca.
Nel frattempo la mia impresa era stata costretta a pagare alle stesse persone una Moto vespa vintage;
Un viaggio per intera famiglia sul mare dello Jonio;
Un incarico tecnico a figlio di funzionario come coordinatore della sicurezza ;

Vantaggi e regalie concesse nelle more di ottenere mutuo e quanto altro dalla banca, richieste velatamente con comportamenti a metà strada tra l’ estorsione e le minacce …..

Ma aldilà di questa vicenda la beffa arriva recentemente quando apprendo, attraverso la notifica presso il mio domicilio, di un procedimento penale a mio carico promosso dalla stessa Banca che lamentava di aver subito per mia opera Sia la diffamazione che la tentata estorsione . Procedimento per cui il PM competente ha richiesto archiviazione a cui è succeduta una opposizione alla stessa ma che si è tradotta anche essa in un nulla di fatto tanto e’ che alcune settimane fa ho ottenuto il totale proscioglimento .
In pratica la novità nella mia storia e’ questa :

Anziché strapparmi i capelli, dimenarmi , piangere ai quattro venti ecc successivamente alla mia denuncia lo scrivente ha pensato bene di aprire una Pagina Facebook che si chiama “Usuraunicredit” oltre ad un dominio appunto www.usuraunicredit.com . La pagina e’ ancora attiva ed ogni giorno pubblica pensieri, riflessioni, notizie, verità scomode sulla” banca del Made in Italy ” . Il sito invece è stato acquisito da UniCredit che avvio’ lo scorso anno una pratica dinanzi alla Wipo dando vita ad un autentico arbitrato a cui mi sono doverosamente sottratto . Giudizio arbitrale conclusosi con l’ accaparramento da parte di UniCredit del sito ( oggi ovviamente spento ) legittimando di fatto la proprietà intellettuale dell’usura.

Ma la notizia è degna di rilevanza proprio per le motivazioni che il Gip di Bari dott Abbattista portate a conforto dell’ archiviazione e’ cioè a dire:

Il giudice afferma un principio ovvio quanto storico per la sua specificità e cioè che la Banca, in questo caso UniCredit in quanto soggetto di interesse pubblico e di proporzioni tali da svolgere un ruolo essenziale per la comunità deve accettare le critiche anche se pungenti purché non travalichino i limiti della continenza pertanto un cliente, un imprenditore può esercitare questa critica dando vita ad una sorta di media Attraverso social come Facebook all’ interno del quale esprimere idee e giudizi critici anche severi purché non si sconfini nella offesa gratuita e quindi nella rilevanza penale .

Il secondo principio è da ascrivere alle ottime capacità del mio avvocato , che è stato senza ombra di dubbio il primo a livello nazionale a smontare la procura attraverso cui la banca conferiva ad un suo dirigente la possibilità di denunciarmi. Procura dichiarata appunto dal giudice eccessivamente generica quindi invalida . Un errore alquanto grossolano da parte della banca nonostante abbia osato scomodare in questa occasione uno studio legale rinomato del bolognese.

Oggi Usuraunicredit non è più soltanto una pagina perché racchiude in se le esperienze, le vicissitudini , le battaglie di oltre 50 imprenditori sparsi per tutta Italia che sostengono la nostra missione. Un esercito invisibile di uomini a cui simpaticamente ho attribuito dei nomignoli d’ arte che compaiono a più riprese nei nostri Post. ( Gigi Pallina, Gioacchino delle Birre, soldato caprone ecc solo per fare degli esempi) .

Oggi UsuraUnicredit rappresenta inoltre la sintesi di un percorso intrapreso anche attraverso la costituzione di un associazione da me fondata insieme ad amici e professionisti, l’ OSSERVATORIO CIBERNETICO, il cui scopo essenziale e’ quello di salvaguardare e promuovere il Made in Italy nel mondo , non solo, anche aiutare le piccole e medie imprese Italiane a difendersi contro il crimine invisibile messo in atto da Banche come UniCredit che stringono nella propria morsa piccole realtà ignare di politiche di sistema che le banche mettono in atto per assecondare logiche di profitto e di strategia che affossano la vera economia del paese.

Non amiamo i protagonismi ma personalmente sarei contento se la mia storia, la nostra storia sia di monito a tanti imprenditori che hanno perso la strada maestra e che credono oramai di non avere più alcuna possibilità di rinascita.

L’ accanimento di UniCredit nei miei confronti, una pulce, un piccolissimo imprenditore che nulla poteva contro un colosso di proporzioni immani, risulta essere uno scandalo quanto scontato laddove la banca ha visto nella mia persona e nella mia organizzazione un pericolo, proprio perché abbiamo rappresentato in sintesi la reazione atipica e asistemica che gli esperti non riescono a decifrare …. Il manuale comportamentale che ogni imprenditore dovrebbe adottare per non abbassare la testa e restare in superficie …….

In fede

Roberto Cossu



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -