Donne al voto in Arabia S., un progresso di facciata per il Regno wahabita

Apertura delle elezioni alle donne in Arabia Saudita: un progresso di facciata per il Regno wahabita

Lo scorso Sabato 12 dicembre non ha segnato solo la fine della COP21; era anche un giorno d’elezioni in Arabia Saudita. Ora, per la prima volta, le donne saudite possono votare, essere delle candidate, e di conseguenza essere elette. Un’evoluzione che conviene salutare, anche se è poco più di una cambiamento di facciata.

arabia-elezioni

Atlantico: Sabato 12 dicembre si è tenuta la prima elezione aperto alle donne in Arabia Saudita. Queste elezioni comunali permettono quindi alle donne di votare, ma anche di essere elette. In uno dei paesi più severe in materia dei diritti delle donne, quali conclusioni possiamo trarre?

Alexandre Del Valle: L’unico bilancio che possiamo trarre è tutt’altro che piacevole. Ci sono 2500 sauditi nello stato islamico. L’Arabia Saudita ha ufficialmente pagato tutto il tempo la propaganda della guerra fredda che ha messo a ferro e fuoco l’Afghanistan. I talebani sono islamisti indo-pakistani risultato dell’influenza wahhabita saudita. Essi hanno inoltre formato un gran numero di jihadisti di Al Qaeda. Essi hanno addestrato e finanziato la maggior parte dei jihadisti e le reti salafite del mondo.

Essi sono in gran parte responsabili da 50 anni, dell’espansione del virus del salafismo jihadista nel mondo. Non è nemmeno di un saldo negativo che dobbiamo parlare: si tratta di una catastrofe. L’influenza di questo paese è terribile, si tratta di uno dei paesi più pericolosi al mondo.

In materia dei diritti umani delle donne in particolare, si può parlare di bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno. Le donne saudite stanno andando a votare alle elezioni che non hanno assolutamente alcun potere. I consigli municipali non sono eletti per rappresentare l’ideologia dei partiti: questi sono proibiti. Inoltre, su 6000 candidati, ci contano solo 900 donne. E ‘probabile che siano poche ad essere eletto, se una sola riesce ad esserlo.

Torniamo sulla situazione in generale delle donne in questo paese: esse non hanno il diritto di guidare. Non possono parlare pubblicamente, anche quando difendono gli interessi finanziari o di gestione delle imprese: sono costrette a passare attraverso un portavoce. Esse ereditano meno degli uomini e non possono muoversi senza il loro permesso. Ogni forma di promisquità è vietato in Arabia Saudita: non possono andare in un ristorante misto. L’escissione è anche ampiamente incoraggiata – e praticata – sotto l’influenza della scuola wahabita. E ‘l’unico paese al mondo dove le donne non hanno il diritto di guidare; uno dei pochi in cui non possono muoversi senza il loro uomo! Questo è uno dei paesi peggiori per le donne, così come è, è uno dei paesi peggiori per i progressisti, gli atei, gli apostati, i sciiti, i cristiani … In generale, per tutto quello che non è un male islamico wahhabita o salafita. Tutti coloro che non rientrano in questo profilo (che potremo riassumere in uomo saudita praticante e rispettoso della Sharia) vedrebbero il peggior paese del mondo.

Tenuto conto di tutti i punti che ho appena citato, credo che sia chiaro che il diritto di voto concesso alle donne saudite è solo uno scoop. Si tratta di diverse piccole riforme introdotte dopo forti pressioni degli Stati Uniti, in seguito del 11 Settembre 2001, che le datano dunque di 15 anni fa. Dopo gli attentati, gli americani hanno lavorato (per lo più con la pressione) il miglioramento della teocrazia saudita, alla sua democratizzazione. Ci sono voluti anni per all’idea di elezioni parlamentari per passare, in quanto risale solamente dal 2010. Nel 2015, infine, le donne possono votare. Questo è qualcosa che, è stato messo in prospettiva, proprio come una comunicazione, tutto specificamente all’indirizzo dell’occidente.

In quale misura si tratta di una avanzata reale? Quando si conoscono i legami dell’Arabia Saudita con l’Occidente, ma anche il tipo di schizofrenia che lo caratterizza, i timori di una avanzata di facciata sono giustificati?

Certo. Anche se tutto può cambiare (la storia accelera, a volte … speriamo che il meglio è in arrivo!), Quando vediamo che questo paese finanzia jihadismo globali; spendendo 3-4 miliardi all’anno in propaganda salafita (i danni sono notevoli), e non ha rinunciato ad essere il paese che finanzia il salafismo nel mondo … sembra chiaro che l’Arabia Saudita sfiguri ogni giorno il mondo musulmano attraverso lo sviluppo delle sue metastasi ovunque. L’Arabia Saudita, oltre ad essere uno dei paesi che concedono meno diritti alle donne sulla Terra è anche uno di quelli che, dopo la Cina e l’Iran, uccide la maggior parte degli oppositori sul pianeta. Pertanto, mi è difficile credere che non si tratta di una misura di comunicazione che, in questo paese schizofrenico, mira a fare perdonare alla mano destra ciò che fa la mano sinistra.

Come in Kuwait, gli americani hanno chiesto a molti paesi del Golfo, e per diversi anni, di moderarsi. E per questa causa: il governo degli Stati Uniti è costretto di fare accettare alla propria opinione pubblica l’alleanza con tali mostri geopolitici. Ecco perché l’Arabia Saudita – e altri – fanno alcune concessioni: la loro alleanza con gli Stati Uniti d’America fornisce una protezione militare, molti contratti

guidaCerto, simbolicamente, è un’avanzata e qualche cosa si può notare (salutare). Le donne saudite sono sicuramente felici d’avere l’impressione di poter partecipare. Tuttavia, è impossibile dire se molte saranno elette e anche se lo fossero tutte, ciò non corrisponderebbe ad un candidato su sei. Peggio ancora, se elette non esistono a titolo consultivo: esse non hanno alcun potere reale. Inoltre, le donne saudite rappresentate nella Shura (il Consiglio Consultivo dell’Arabia Saudita) non hanno alcun potere. Un attivista per i diritti delle donne dicono che si tratta di un inizio, a ragione. Se alcune donne si rallegrano, ciò rimane una buona cosa, nessuno può negarlo. Comunque, non dobbiamo dimenticare che è una cosa così piccola rispetto al trattamento complessivo riservato per le donne, per tutto ciò che questo paese fa di grave (e anche peggio) … Infine, è una goccia nell’oceano. Una nazione che fa concessioni molto timide alle donne, ma continua a finanziare jihadismo internazionali non si compra una coscienza a così buon prezzo.

Quali sono gli interessi che l’attuale casa saudita può trovare in questo tipo di riforma?

E’ molto chiaro, gli occidentali sono ossessionati con alcuni dei loro valori, come i diritti umani, la democrazia, i diritti delle donne … È per questo che un paese come l’Arabia Saudita, un po ‘schizofrenica e corrotto ha giocato al più furbo, avanza una misura a favore delle minoranze o delle donne, sapendo che raccogliere ovazioni da parte nostra. La Turchia aveva usato le stesse tecniche, quando, nel 2002, Erdogan aveva costruito diverse chiese nei centri balneari: tutto l’Occidente aveva elogiato la “modernizzazione” del paese, il “progressismo” di Erdogan, ma nel nel frattempo, i cristiani sono stati minacciati e persino uccisi in Turchia e in altre parti del mondo musulmano …

Portando alcuni piccoli accorgimenti, questi paesi si aspettano che l’Occidente, per contrasto, possono stimare che si tratta di “un inizio” e che è “molto buono”. Da un lato permette quindi ai leader occidentali di giustificare la loro alleanza con questi paesi. E evidente che i nostri che i nostri dirigenti sono imbarazzati di essere colti in flagrante di prossimo dellitto con i paesi che giudichiamo tra le peggiori al mondo, uccidendo gli oppositori o violando i diritti umani delle donne. Queste timide riforme servono quindi come effetto annuncio, che rafforza la posizione delle potenze occidentale e permette loro di rassicurare le persone meno ingenue. D’altra parte, per l’Arabia Saudita, si tratta di nascondere un terribile treno, dietro un bel vagone piuttosto ben attrezzato. Prendiamo l’esempio del Qatar, degli Emirati: questi paesi sono anche in prima linea quando si tratta di violare i diritti umani, ma anche quando si tratta di comunicazione e di vendita t- maglia del FC Barcelona. Inoltre, specialmente per l’Arabia Saudita, il contesto lo esigeva: da quando il paese ha preso il controllo della commissione per i diritti del umano delle Nazioni Unite, ha dovuto dimostrare che stava cambiando . Il tutto senza cambiare troppo, come il la pelliccia del ghepardo … Fondamentalmente si tratta solo di un’operazione di comunicazione all’occidente, delle sue istituzioni, delle Nazioni Unite … E ‘ molto abile, in quello che consiste nel dare una giustificazione a chi ne ha bisogno e quindi di facilitare lo scambio.

Da un punto di vista molto pragmatico, che cosa possiamo aspettarci dal voto dei sauditi? Potrebbero aiutare ulteriormente a cambiare le cose più avanti, oppure sono piuttosto conservatori e rischianno d’ appoggiare la società che conosciamo?

Questa è una buona domanda. Certe saudite sono liberali: ma la maggior parte di loro sono esiliate o imprigionate. Quello che è certo è che esse non contesteranno il regime, e per una buona ragione: le uniche in grado d’iscriversi sono quelle che non lo faranno. Nessun vero avversario dunque può essere eletto.

Io penso che ci siano delle donne conservatrice e delle donne per la riforma. Uno delle grande ingenuità dell’Occidente è, a mio parere, credere che le donne al potere necessariamente portano a progressismo. Ci dimentichiamo di dire che nell’educazione dei bambini, ma anche dei jihadisti e futuri jihadisti, c’è molto spesso una donna conservatrice che trasmette e riproduce il modello di dominazione del machismo islamista . È molto ingenuo pensare che mettere in avanti le donne possano solo portare ad un cambiamento benefico.

Non c’è ragione di credere, inoltre, che le persone che saranno presentate potrebbero cambiare qualcosa nella situazione attuale. Oggi abbiamo 130.000 donne iscritte – dieci volte meno degli uomini – per 900 candidate. Molte tra le candidate sono state squalificate perché non corrispondevanno abbastanza per quello che ci si aspettava. Molte altre si sono ritirate sotto la pressione da parte di responsabili musulmani locali, wahabita.
Infine, non potendo guidare (e visto che spesso i loro mariti non lo autorizzano), molte saudite non potranno andare a votare. Quindi non ci sono abbastanza elettori per eleggere queste candidate. Le limitazioni sono molteplice. Le femministe si sono mobilitate, ma sanno benissimo che le donne elette saranno molto poche. Senza calcolare che i grandi compiti di questi consigli municipali consistono nel gestire le strade, i parchi, e la raccolta dei rifiuti. E ‘una bella truffa.

Tuttavia, vi è un altro scenario. Se non è il più probabile, non è possibile discostarsi. Non si può escludere che l’Arabia Saudita sia presa dal suo stesso gioco, il pensare di realizzare riforme senza futuro, potrebbe tuttavia generare speranza e creerebbe una breccia nel sistema. A volte la storia è sorprendente e il manipolatore si fa manipolare dalla sua stessa iniziativa. Trovo difficile credere che l’Arabia Saudita sia finalmente presa in un ingranaggio che la possa portare a delle riforme inaspettate (e non necessariamente volontarie) in favore dei diritti delle donne, ma se il “rischio” esiste anche se rimane poco probabile: le donne non possono guidare in Arabia Saudita, possono essere legalmente picchiate dai loro mariti, possono essere ripudiate in qualsiasi momento, subiscono la poligamia, non hanno alcun diritto reale politico, la coeducazione non esiste, ed esse non possono mai incontrare uomini non membri della loro famiglia… Il tutto rimane estremamente limitato.

Alexandre Del Valle  – - atlantico.fr



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -