Video – Come l’attivista curda Dilek Dogan è stata uccisa dalla polizia turca

 

Il 18 ottobre 2015, a Istanbul, nel corso di un’operazione antiterrorismo un poliziotto dal grilletto facile sparò all’attivista turca Dilek Dogan durante una perquisizione nella sua abitazione. La venticinquenne, di origine curde e militante nel “Fronte rivoluzionario di liberazione del popolo” (Dhkp-c), morì in ospedale dopo una settimana di coma. I media filo-governativi riportarono una versione dei fatti molto controversa che vedeva la giovane come una pericolosa terrorista che aveva opposto resistenza alla perquisizione, costringendo il militare a sparare. Mentre la famiglia ha sempre negato questa versione dei fatti affermando che la ragazza avrebbe semplicemente chiesto al militare di indossare delle ciabatte – come è usanza in molti paesi come la Turchia – e che questo avrebbe scatenato la reazione violenta dall’uomo.

Ora, a distanza di due mesi è stato rilasciato il video girato dalla polizia la notte della perquisizione. Nel filmato, si vedono i poliziotti in tenuta antisommossa fare irruzione in casa della Dogan, frugare in una stanza mentre nel corridoio si sente la giovane discutere con uno dei militari. Poi, un tonfo sordo e le urla di dolore dei famigliari della ragazza.  Info Infoitalianews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -