Mali: assalto jihadista a Bamako. 3 morti ed oltre 100 ostaggi. Liberato chi recita il Corano

Una decina di uomini armati ha preso d’assalto l’Hotel Radisson a Bamako e tiene in ostaggio “140 clienti e 30 dipendenti” e ucciso”almeno tre persone”. Gli assalitori hanno poi liberato alcuni ostaggi, compresi coloro in grado di recitare versi del Corano.  “Ho visto dei cadaveri. E’ orribile”. Sono le prime parole di uno degli  ostaggi liberati. Secondo “fonti Onu” citate dal sito panafricano Jeune  Afrique, “forze speciali americane sono all’interno dell’hotel”.

bamako

Secondo il gruppo alberghiero l’attacco e’ cominciato stamane, quando almeno quattro persone a bordo di un veicolo, con targa diplomatica, si sono avvicinati all’albergo e hanno cominciato a sparare contro le guardie, causando vari feriti, mentre le altri guardie fuggivano. L’albergo -che ospita in gran parte stranieri, molti dei quali francesi, cinesi e personale turco della Turkish Airlines - e’ considerato il piu’ sicuro della capitale, situato nella zona di lusso della citta’. Secondo l’agenzia Xinhua, tra i clienti ci sono anche cinesi. 

Il commando avrebbe rilasciato alcuni ostaggi, tra i quali quelli che sanno recitare versetti del Corano.

Secondo fonti giornalistiche sul posto, gli uomini armati gridavano ‘Allah Akbar’. Ci sarebbero gia’ numerosi feriti. L’ambasciata americana con un ‘tweet’ ha invitato i connazionali a non uscire di casa. Tutto il settore settentrionale del Mali fu occupato da milizie jihadiste, alcune con legami ad al-Qaeda, per gran parte del 2012. Molti gruppi jihadisti furono snidati grazie a un’operazione militare internazionale su iniziativa francese, lanciata nel gennaio 2013 e che e’ ancora in corso. Ma alcune zone del Paese rimangono ancora fuori dal controllo delle forze maliane straniere. E se fino a qualche tempo fa gli attacchi jihadisti erano rimasti concentrati nel nord, dall’inizio del 2015 si sono estesi al centro e, da giugno, al sud del Paese.

“All’alba c’e’ stata una sparatoria. Sembra un tentativo di prendere ostaggi. La polizia e’ sul posto”, hanno raccontato alcuni testimoni.  Gli spari sono stati avvertiti all’esterno dell’albero, situato nel centro della capitale maliana. Le forze dell’ordine hanno stabilito nella zona un perimetro di sicurezza.       Il lussuoso albergo dispone di 190 camere. “E’ successo al settimo piano: jihadisti stanno sparando nel corridoio”, ha aggiunto un’altra fonte.

Secondo una fonte della sicurezza maliana, gli assalitori hanno fatto irruzione nel recinto dell’hotel con un’auto con la targa del corpo diplomatico: “Jihadisti stanno sparando in un corridoio”.

“Secondo le nostre informazioni”, prosegue la nota, “due persone tengono in ostaggio 140 clienti e 30 impiegati”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -