Prodi ammette che la Libia è dilaniata da interessi delle “Grandi Potenze”

prodi

 

Bisogna risolvere al piu’ presto la crisi libica, ma per riuscirci e’ necessario l’intervento delle grandi potenze. E’ il pensiero dell’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, secondo il quale, “la guerra di Libia e’ un episodio di insensatezza politica al di la’ di ogni considerazione”; infatti “attaccare guerra senza sapere cosa viene dopo in un Paese frammentato, che tra l’altro gli italiani conoscevano bene, mentre la Francia aveva altri interessi, voleva dire accendere un fuoco che poi non si riesce piu’ a spegnere”.

La priorita’ adesso, ha aggiunto Prodi al dibattito ‘Expo chiama Africa’, e’ “riassestare la Libia, e’ importantissimo, ma non si puo’ fare senza un accordo tra le grandi potenze perche’ sono guerre in cui tutti vogliono mettere becco”, tra questi Turchia, Qatar e gli altri Stati del Golfo.

“Se non c’e’ un interesse dall’alto il problema del terrorismo non si risolve”, ha sottolineato Prodi che ha precisato: “sia chiaro, Gheddafi era un dittatore pero’ quando si attacca un dittatore si deve sapere quello che si vuole.
Anche per il problema dell’immigrazione: volete che Gheddafi non mi minacciasse di mandarmi dei barconi? Ma quante volte ho discusso e ho evitato questo? Perche’ alla fine era un poteraccio, ma un potere c’era e una controparte c’era, e quando si distrugge questo senza sapere dove si va a finire si fa la piu’ grande tragedia politica della storia di questo mondo“. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -