Telegraph, padre dell’euro teme la subdola instaurazione di un SuperStato UE

 

Dal Forum di Cernobbio Ambrose Evans Pritchard riporta l’intervento di Otmar Issing, uno dei padri fondatori dell’euro, che ha  lanciato l’allarme sul carattere antidemocratico del progettato ministro delle finanze U€ e sul fatto che un vero e democratico “Stati Uniti d’Europa” appare ad ora politicamente impossibile.  In realtà l’austero controllo dei bilanci nazionali da parte di organi “al riparo dal processo elettorale” è necessario al mantenimento della moneta unica, e Issing da bravo padre fondatore avrebbe dovuto sapere che non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca…  Voci dall’estero

 Financial markets expert Otmar Issing ad

di Ambrose Evans Pritchard, 6 settembre 2015

Il professor Otmar Issing ha messo in guardia contro la cessione del controllo sulle imposte e sulle spese prima di una unione politica democratica

Il padre fondatore dell’euro ha avvertito che l’ultimo piano dell’Europa per un ministero delle finanze a livello UEM è un pericoloso tentativo di contrabbandare per unione politica una violazione dei principi fondamentali della moderna democrazia.

Il professor Otmar Issing, il principale architetto dell’unione monetaria dei primi anni, ha detto che sarebbe “pericoloso” trasferire il controllo su tasse e sulle spese a livello UE prima che venga stabilita una piena unione politica su basi democratiche.

Un tale salto di qualità nella struttura costituzionale dell’Europa – la creazione a tutti gli effetti di un superstato UE, con un parlamento paragonabile al Congresso degli Stati Uniti – è impensabile nell’attuale clima politico.

Richiederebbe dei referendum in tutta Europa, e una maggioranza di due terzi in entrambe le camere del parlamento tedesco. “Le possibilità di unione politica sono prossime allo zero”, ha detto, parlando al Forum Ambrosetti dei politici mondiali sul Lago di Como.

Se l’Europa dovesse andare avanti a testa bassa e forzare il ritmo dell’integrazione, questo porterebbe a un organo plenipotenziario canaglia dai poteri incontrollati su delicate questioni della vita nazionale. “Non si vede come gli potrebbe essere data una legittimazione democratica”, ha detto.

Prof. Issing, f igura preminente nella Bundesbank pre-UEM e primo capo economista della Banca centrale europea, ha detto che il controllo dei bilanci per ora deve essere lasciato ai parlamenti e ai governi nazionali sovrani che sono realmente responsabili di fronte ai loro popoli. “Nella UE l’unione politica non può essere fatta entrare dalla porta di servizio. E’ una violazione del principio di “no taxation without representation”, e rappresenta un approccio sbagliato e pericoloso”, ha detto.

Prof. Issing stava facendo una chiara allusione alla Rivoluzione Americana e agli eventi che hanno portato alla guerra civile inglese nel 1640, due grandi lotte innescate da un assalto della monarchica al potere parlamentare di controllare i cordoni della borsa. Le prime democrazie dell’Europa sono state tutte basate sul controllo legislativo della spesa.

Le proposte per un ministero delle finanze UEM sono apparse in un documento stilato dai capi della Commissione, del Consiglio, del Parlamento, dell’Eurogruppo e della BCE nel mese di giugno, un documento denominato “Relazione dei cinque Presidenti”.

Si inizierà con un comitato fiscale europeo di tipo consultivo e un fondo di investimento strategico con poteri rafforzati, chiaramente un ministero delle finanze in embrione. Dal 2017 in poi si trasformerà in un “Tesoro dell’area euro”, sancito nei trattati UE.

Il rapporto dice che il nuovo meccanismo sarà stabilito in “modo duraturo, equo e legittimato democraticamente”, cosa che per molti versi può essere considerata una ammissione che sinora il progetto UEM è andato molto male ed ha portato ad aspre divisioni.

Eppure i critici avvertono che l’Unione europea ancora una volta sta mettendo il carro davanti ai buoi. Essi indicano gli stessi errori fondamentali che hanno portato alla crisi permanente dell’unione monetaria e a rivolte populiste in gran parte dell’Unione europea.

Prof. Issing è sempre stato aperto a degli autentici Stati Uniti d’Europa simili alla democrazia federale degli Stati Uniti. Quello che egli contesta è la mezza costruzione deforme in cui degli organi sovranazionali prendono decisioni a porte chiuse.

Sotto la sua attuale struttura l’euro può sopravvivere “per un periodo”, ma crollerà se i principi dell’unione monetaria saranno violati in modo permanente. “Pacta sunt servanda” ha detto il prof Issing.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -