Chiamata di Putin, Elton John caduto nel tranello di due “teppisti del telefono”

eltonjohn

 

Non era Vladimir Putin al telefono con Elton John, ma una sorta di “Scherzi a parte” alla russa: la pop star britannica è stata tratta in inganno da due “teppisti del telefono”, come li definiscono i media russi, due giovani noti come Vova e Lexus, diventati famosi in Russia proprio per le loro burla telefoniche. E dopo la sfida lanciata giorni fa al capo del Cremlino da Elton John, che ha proposto un incontro per discutere le sue “ridicole” posizioni sulle minoranze sessuali, i due hanno chiamato il cantante britannico, fingendo di essere PUtin.

Scherzo riuscitissimo, tanto che ieri Elton John ha fatto sapere via instagram di avere ricevuto una telefonata del capo del Cremlino, con la promessa di fissargli un appuntamento per discutere di comunità Lgbt ed affini. Poi, però , è arrivata la smentita del portavoce di Putin, Dmitri Peskov, e oggi l’ammissione di Vova e Lexus: abbiamo confezionato noi lo scherzo. Il primo ha finto di essere Putin al telefono, il secondo lo ha introdotto, facendo la parte del portavoce.”Abbiamo pensato che fosse davvero improbabile che Putin, almeno per un po’, avrebbe voluto incontrarlo e parlare, ma Elton John evidentemente aspettava tanto questo squillo e ci ha creduto subito”, hanno commentato oggi, annunciando che la registrazione completa della telefonata poco presidenziale andrà in onda stasera, durante un programma sul primo canale della tv russa. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -