ITALIANO vive in auto da 4 anni, perché il vescovo non lo accoglie?

Quattro lunghi anni passati in auto, trovando solo per brevi occasioni ospitalità in qualche centro per anziani.

È la triste storia di Giovanni, 46 enne italiano di Avezzano, in Abruzzo. Qualche tempo fa è rimasto senza lavoro e senza casa. Così, si è dovuto accontentare della sua vecchia Volksvagen con le gomme bucate. Orami diventata la sua casa.

vive-auto

 

La storia stride, troppo, con le immagini dell’accoglienza che l’Italia riserva ai tanti profughi che arrivano in Europa. Per Giovanni non si è mosso nessuno. Non si è mosso il comune, non si è preoccupato il Vescovo. “Insieme alla famiglia di profughi, trovate un posto anche a questo marsicano disperato”, è l’appello di un giovane che ora sta aiutando il disoccupato.

Come racconta marsicalive.it, Giovanni è costretto a elemosinare ogni giorno un pasto. Qualche tempo fa è stato ospite di una casa di accoglienza (San Giuseppe di Avezzano), ma per lui il posto era disponibile solo nei mesi freddi. Dal giorno in cui ha lasciato il centro, nessuno si adoperato per trovargli una sistemazione. Ha due figli di 14 e 19 anni, è separato e senza lavoro.

Nei giorni scorsi un giovane del luogo, Nello Mignini, è andato a portagli da mangiare. “Questa è l’Italia: abbandonare un povero uomo che vive dentro la macchina da ben quattro anni e in che condizioni. Per il momento – spiega il ragazzo – gli ho portato da mangiare e ora sto facendo il possibile per portare aiuto e serenità a questo povero uomo dimenticato e abbandonato da tutte le autorità”.

“Ho letto che monsignor Santoro prenderà in curia una famiglia di profughi – continua – vorrei chiedere se potesse accogliere anche Giovanni, che è di Avezzano e ne ha veramente bisogno perché non ce la farà a trascorrere in auto un altro inverno”. Ma l’appello dei Vescovi ora è ad accogliere i migranti. Chissà se troveranno mai posto per un italiano. Le possibilità non sono molte: hanno già avuto 4 anni per pensarci.  IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -