Siria: con i raid della coalizione i terroristi espugnano l’ultima base aerea

 

Dopo quasi due anni di assedio continuo i ribelli islamisti di Jaish al-Fatah, o Esercito della Conquista, hanno assunto il completo controllo della base aerea di Abu al-Douhour, l’ultima finora presidiata dalle forze fedeli a Bashar al-Assad nella strategica provincia nord-occidentale di Idlib: lo ha riferito Rami Abdel Rahman, direttore dell’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell’opposizione non radicale in esilio con sede a Londra.

La notizia e’ stata peraltro indirettamente confermata anche dalla televisione di Stato, che a sua volta ha annunciato la ritirata della guarnigione di stanza nel complesso in direzione della vicina provincia di Aleppo, piu’ a oriente. “Ora le Forze Armate non sono piu’ presenti a Idlib”, ha precisato Abdel Rahman, secondo cui l’assalto decisivo era scattato due giorni fa ed e’ stato finalizzato a tarda sera, quando gli insorti hanno cominciato a irrompere all’interno dopo aver sfondato le ultime linee nemiche. Si tratta di un successo soprattutto del Fronte al-Nusra, emanazione di al-Qaeda in Siria, che ha guidato l’offensiva sebbene all’interno dell’alleanza sia numericamente inferiore a un’altra fazione, i salafiti di Ahrar ash-Sham. I qaedisti del resto prevalgono nel nord-ovest della Siria, dove dallo scorso maggio sono passati da un successo militare all’altro, e possono adesso intensificare la pressione sulle zone costiere adiacenti, dove il regime mantiene le proprie roccheforti principali.

700 camion di rifornimenti ad ISIS , visibili dal satellite, la coalizione a guida USA tace  Il 5 settembre sono transitati dall’Iraq a Raqqa, capitale dell’ISIS , 700 camion di rifornimenti. Il trasferimento è visibile su google maps dal satellite. Ne ha dato notizia per prima AsiaNews and the world News.

Nella provincia la presenza lealista e’ ormai circoscritta a due soli villaggi sciiti, Fuaa and Kafraya, dove pero’ non ci sono piu’ soldati regolari ma soltanto ‘shabbiha’, i paramilitari schierati con Damasco, appoggiati da un piccolo contingente di guerriglieri libanesi di Hezbollah, storici alleati del clan Assad. L’unica importante base aerea ancora controllata dai governativi nella regione resta cosi’ quella di Kweiris, situata peraltro una quindicina di chilometri a est di Aleppo e quindi distante da Abu al-Duhur una cinquantina di chilometri in direzione nord: la circondano peraltro i jihadisti dello Stato Islamico, di cui il Fronte al-Nusra e’ il principale rivale in seno alla galassia islamista siriana. .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -