Don Zerai : migranti africani discriminati a beneficio dei siriani

moses

 

I rifugiati siriani da una parte, i migranti africani dall’altra: don Moses Zerai, sacerdote eritreo fondatore dell’Agenzia Abeshia, da sempre vicino alla causa dei profughi del Corno d’Africa, denuncia “una palese discriminazione che vede privilegiati i rifugiati di nazionalità siriana mentre a tutti gli altri viene negato il diritto di asilo. Anche i profughi eritrei, somali, sudanesi fuggono dalle guerre e dalle persecuzioni, ma l’Europa -rileva all’Adnkronos Zerai- sembra non accorgersene”.

UE: 300 mln di aiuti all’Eritrea per fermare i profughi. Don Zerai dice no

Si tratta, sottolinea il sacerdote, di “una scelta dettata da motivi pratici: c’è chi preferisce ospitare rifugiati qualificati sul piano professionale -medici, architetti, ingegneri- perché vede la possibilità di una loro più facile integrazione nel mercato del lavoro. Ma questa linea -osserva- si traduce in un forte elemento di discriminazione perché penalizza tutti gli altri“.

“Ben venga l’apertura della Germania e di altri Paesi europei verso i rifugiati siriani, ma in questa ‘guerra tra poveri’ alla fine a perdere sono i più svantaggiati. Tra le persone che assisto sono in molti a chiedermi: ‘perchè i Siriani sì e noi no?’. Il mio sospetto -conclude Zerai- è che alla fine possa giocare un ruolo anche l’aspetto razziale. Sarebbe grave se il colore della pelle o la provenienza africana influissero sulle scelte dei governi europei”.



   

 

 

2 Commenti per “Don Zerai : migranti africani discriminati a beneficio dei siriani”

  1. Forse perchè la maggior parte degli africani NON viene da paesi in guerra e perciò si tratta solo di CLANDESTINI?

  2. Ok….è perché gli africani si i siriani si è gli italiani ciapet?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -