Gay torturati e perseguitati dall’Isis, testimonianza all’ONU

https://youtu.be/IeaiQfEOWO0

 

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu a New York ha ascoltato le testimonianze dei gay siriani e iracheni circa le persecuzioni a cui sono sottoposti nei due paesi da parte dei jihadisti dell’Isis.
Samantha Power, ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, ha sottolineato che “per il Califfato è pratica costante prendere di mira le persone della comunità LGBT; l’intento della riunione era dimostrare che l’Onu ne è cosciente e se ne preoccupa.”

E’ stata la prima riunione del Consiglio di Sicurezza dedicata ai diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. L’attivista Subhi Nahas, che viene dalla città di Idlib in Siria, ha spiegato che il Califfato terrorizza e uccide i gay, gettandoli dai tetti e incitando la folla a lapidarli. “Sono venuto a dimostrare, ha detto, che LGBT non è solo una sigla coniata dall’Occidente, ma che esiste una comunità LGBT in Medio oriente e in Africa, che siamo solidali e ci battiamo per i nostri diritti.”

Vendola: “La mia vittoria dedicata ai fratelli musulmani” (15 dicembre 2011)

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -