Libia: altre quattro esecuzioni a Sirte, Isis crocifigge una “spia” in piazza

napolitano-obama-sarkozy

 

Nuove esecuzioni targate Isis in Libia. A Sirte, i jihadisti del Califfato nero hanno “giustiziato” quattro uomini dopo averli fatti vestire con le ormai famose tute arancioni dei detenuti del carcere di Guantanamo. In un video diffuso sui social media e ripreso dalla tv satellitare al Arabiya, si vedono gli uomini dell’ala libica dell’Isis aprire il fuoco contro un uomo appeso ad una struttura di legno somigliante ad un crocefisso.

La vittima, il cui corpo senza vita è stato poi lasciato in piazza, è presentata dai boia come una “spia del gruppo Fajr Libia” (dall’arabo “Alba della Libia”), alleanza di milizie che sostengono il governo islamico di Tripoli non riconosciuto dalla comunità internazionale.

L’esecuzione dei quattro è stata confermata anche dagli abitanti locali, come riferisce l’emittente saudita. Queste ennesime esecuzioni sono avvenute a poche ore dalla rivolta guidata da un gruppo salafita sostenuto da giovani abitanti della città e repressa nel sangue dai jihadisti.

Isis, altre quattro esecuzioni a Sirte: una “spia” crocefissa in piazza
„Sirte, città nel Nord del Paese africano, è la principale roccaforte degli uomini di Abu Bakr al Baghdadi in Libia, espugnata dai jihadisti che hanno approfittato del caos che regna sovrano dalla caduta del regime del defunto colonnello Muammar Gheddafi nel 2011.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -