L’Europa dei popoli in miseria: 122,6 milioni di persone ridotte in povertà

 

Un cittadino europeo su quattro (24,5%) e’ a rischio poverta’ ed esclusione sociale. In tutto sono 122,6 milioni le persone che nel Vecchio continente hanno un reddito pari o inferiore al 60% del reddito medio dei propri compatrioti o soffrono una forte deprivazione materiale o vivono in una famiglia dove in media gli adulti lavorano meno di un paio di mesi l’anno. I dati, riferiti al 2013 (gli ultimi disponibili), sono stati elaborati dal centro studi di Confindustria, che evidenzia come in come in 5 anni di crisi la fetta della popolazione piu’ disagiata sia crescita del 4,3%.

In Italia le cose vanno ancora peggio: le persone a rischio poverta’ superano i 17 milioni, vale a dire il 28,4% della popolazione. Una percentuale che arriva a toccare punte del 55,3% in Sicilia, la regione con la quota piu’ alta tra tutte quelle europee, e che comunque resta sopra il 33% in tutto il Meridione. A far schizzare in alto il rischio, spiega il Csc, e’ stata la crescita della quota di chi si trova in situazione di forte deprivazione materiale: il 12,4% della popolazione italiana nel 2013, in aumento di 5,6 punti percentuali rispetto al 2007. Nelle regioni del Sud la percentuale di coloro che soffrono una condizione di deprivazione materiale e’ di 8,5 punti percentuali superiore alla media del paese (20,9%).- Dall’inizio della crisi e’ piu’ che raddoppiato, inoltre, il numero delle famiglie italiane in condizioni di poverta’ assoluta, che e’ arrivato a superare quota due milioni (+108%), vale a dire il 7,9% del totale. Gli individui poveri, 6 milioni in tutto, sono ormai quasi il 10% dei residenti nel Belpaese, con una crescita del 148% dal 2007. Questi dati sono ancora piu’ allarmanti se si considera di pari passo con l’aumento dei poveri, in Italia, e’ diminuita la mobilita’ sociale, gia’ bassa nel confronto internazionale. Una situazione che, avverte il Csc, puo’ “rallentare la crescita”.

Tornando in Europa, il Csc evidenzia aumenti “preoccupanti” del rischio poverta’ in Grecia, dove si e’ passati dal 28,1% al 35,7% della popolazione, e in Spagna dove gli individui esposti sono saliti dal 23,3% al 27,3% dei residenti. In entrambi i paesi e’ aumentato in particolare il numero dei membri di famiglie a bassa intensita’ di lavoro rispettivamente di 10 e 9,1 punti percentuali. Piu’ stabile il quadro in Francia e in Germania che hanno rispettivamente il 18,1% e il 20,3% di cittadini a rischio, quote rimaste pressoche’ invariate dall’inizio della crisi. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -