Torino: marocchino aggredisce gli agenti con cocci di bottiglia

Torino – Agenti aggrediti da uno straniero in corso Vercelli

Fermato a bordo di un’auto per un controllo da parte degli agenti della polizia di Stato, ha dato in escadescenza, minacciando di scagliare contro questi ultimi una bottiglia in vetro. L’uomo, un marocchino di 26 anni, è stato arrestato per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale e denunciato per oltraggio e tentate lesioni.

Il reo stava percorrendo corso Vercelli a bordo di una BMW quando gli agenti lo hanno fermato per un controllo: appurato che lo straniero stava viaggiando con patente sospesa, gli operatori di polizia hanno proceduto a redigere gli atti relativi ai fini dell’applicazione della sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.

Durante tali fasi, il cittadino marocchino ha perso il controllo, opponendosi con violenza alle misure adottate nei suoi confronti, minacciando e inguiriando gli operatori di polizia. Sceso dall’auto ha raggiunto un porta rifiuti adibito alla raccolta vetro e da questo ha estratto una bottiglia. Dopo averla infranta ha brandito il collo della stessa nei confronti degli agenti che, nel frattempo, lo stavano raggiungendo.

Nonostante il tentativo di aggressione subito, gli operatori sono riusciti a rendere inoffensivo il giovane e a trarlo in arresto.

.torinotoday.it



   

 

 

4 Commenti per “Torino: marocchino aggredisce gli agenti con cocci di bottiglia”

  1. rispedirlo in Marocco con divieto di ritorno a vita no vero?

  2. Ma a quest’ora sarà già libero e alla guida di un’altra automobile.

  3. ORSINGHER30@nessuno20

    Niente processo specialmente- Senza avere un diritto ialico di risiedere sul territorio . Quindi Clandestino. E se esiste di quelli “Blandi” ; da sopprimere dal Questore o Prefetto.!!!
    Deve essere Fotografato ed impronte digitali – Scortato in un mezzo di trasporto- fuori d’Italia. e se ritorna : “Cacciato a Manganellate”= Questa e’ umanita per gli Italiani.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Questa procedura risolve l’ammucchiata nelle carceri ( dove è scuola criminalel) Escluso i costi Giudiziari.- Escluso Mangiare bere a carico gente onesta – Escluso Avvocati da una parte all’altra a carico gente onesta. che ha il diritto sacrosanto di essere tutelato da chi ha la responsabilità sul territorio.!-
    SI DIMENTICA “SOVENTE” NON SIAMO PIU’ SIDDITI..! SIAMO CITTADINI.!

  4. Gentiloni, Alfano,Renzi, Monsignor Galantino,ecco chi volete far entrare in Italia voi che predicate bene e razzolate male le leggete le cronache o leggete solo quello che vi fa comodo,oppure leggete quelle foraggiati dal Governo PD e di altri giornali foraggiati dai politici che non dicono quello che realmente sta succedendo in Italia, LEGGETE QUESTO GIORNALE ONLINE IMOLAOGG.IT così se non siete aggiornati vi aggiornerà minuto x minuto.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -