Svizzera: falsi profughi tornano in Patria per le vacanze

Vacanze in patria per i rifugiati
Secondo l’UDC e i Cantoni, Berna rilascia troppi permessi per viaggi all’estero per gli asilanti

Ne abbiamo già parlato qui   Allegri “rifugiati” vanno in vacanza nei loro Paesi dove sarebbero “perseguitati”!

Ma la vacanza continua.

BERNA – Vacanze in… Eritrea? Non proprio una meta gettonata, visto che il Paese africano è sottoposto a un regime dittatoriale. Putroppo una permanenza in Eritrea è spesso impensabile anche per gli stessi eritrei, che fuggono verso l’Europa perché perseguitati nel proprio Paese, e che in seguito vi fanno ritorno solo per motivi gravi ed eccezionali, come ad esempio un parente molto stretto bisognoso di cure o prossimo alla morte.

In Svizzera la legge esclude viaggi in patria per coloro che sono stati accolti come rifugiati, tranne appunto in situazioni straordinarie. Per contro, essi possono viaggiare liberamente in altri Stati. I richiedenti l’asilo o coloro che sono stati ammessi provvisoriamente devono invece dichiarare scopo e motivo del viaggio al Segretariato di Stato per la migrazione (SEM), che in seguito decide se rilasciare i documenti necessari.

Fin qui le regole, che tuttavia secondo l’UDC, ma anche secondo i Cantoni, non sempre vengono rispettate. Ha suscitato un vivo dibattito negli scorsi giorni un intervento della consigliera nazionale UDC Silvia Flückiger, che ha denunciato frequenti viaggi di richiedenti l’asilo eritrei nel Paese d’origine, al fine di trascorrervi le vacanze. Un atteggiamento ovviamente incompatibile con la richiesta di ottenere l’asilo, che si giustifica solo se la persona in questione è seriamente perseguitata o a rischio di morte in patria.

Flückiger e l’UDC invitano dunque le autorità politiche a compiere un giro di vite, concedendo a queste persone un viaggio per l’Eritrea «di sola andata».

Corriere del Ticino



   

 

 

2 Commenti per “Svizzera: falsi profughi tornano in Patria per le vacanze”

  1. E finito pure il baluardo Svizzero, anche loro stanno andando verso la fine dello stato Svizzero! chi avevano previsto questo scempio ora che vedo quello che sta succedendo in svizzera sono sicuro che era proprio vero, se non ci si rimette riparo immediatamente è la fine.

  2. claudio vivian

    io vivo in eritrea da 14 anni sono italiano ,e verissimo che una volta ottenuto lo status di rifugiati , poi tornano in eritrea per viaggi di piacere, ne conosco tantissimi e alla domanda (meglio in europa o eritrea ) la risposta e sempre la stessa ERITREA. Scappano per avere i privilegi (casa, vitto e i soldi) che in europa ricevono senza lavorare,e con quei soldi pagano il 2%al governo eritreo In eritrea non c’e’ guerra si vive benissimo ,solamente il servizio militare e illimitato, ma non sono prigionieri e schiavizzati come si dice .lavorano per migliorare il loro paese.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -