Libia: 12 uomini decapitati e crocifissi da Isis. Premier: è genocidio. ONU complice

L’ultimo orrore: l’Isis ha decapitato e crocifisso 12 combattenti salafiti a Sirte. Il premier libico: genocidio
Non si fermano le violenze nello Stato maghrebino. Accuse dal governo alla comunità internazionale: ci avete abbandonato

L’Isis ha “decapitato” e crocifisso dodici combattenti delle milizie salafite libiche impegnate per cacciare i jihadisti da Sirte. Questo nuovo orrore è stato riportato dall’agenzia libica Lana, come riferisce Le Parisien. Già ieri l’Isis aveva compiuto una strage nell’ospedale della città natale di Gheddafi, uccidendo 22 pazienti.

Presidente libico: a Sirte genocidio – Il premier libico Abdullah Al-Thinni accusa la comunità internazionale di ignorare le violenze e le uccisioni perpetrate dall’Isis a Sirte e di tradire la Libia. In una dichiarazione pubblicata sulla pagina facebook del governo di Tobruk, il primo ministro accusa lo Stato islamico di “genocidio”, appellandosi alla comunità internazionale affinche’ aiuti la Libia a sbarazzarsi dei terroristi, criticando ancora una volta l’embargo imposto dal consiglio di Sicurezza dell’Onu sull’ingresso delle armi in Libia. Il riferimento è al massacro avvenuto negli ultimi giorni a Sirte, ormai, secondo le fonti locali, interamente sotto controllo dell’Isis.

isis-sirte



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -