Isis: rifiutano sesso con i jihadisti, 19 donne uccise a Mosul

Diciannove donne, la più piccola aveva 14 anni, sono state giustiziate a Mosul, in Iraq, dagli uomini del Califfato Islamico, perché si erano opposte alla pratica della “jihad sessuale”. Erano state rapite, infatti, tempo prima ed erano tenute ostaggio nella roccaforte dell’Isis perché facessero sesso con i miliziani. La notizia dell’esecuzione di massa è stata data dal portavoce del Partito democratico curdo iracheno della città, Said Mimusini.

Sarebbero migliaia le donne sequestrate dai miliziani dell’Isis nei villaggi che conquistano per essere vendute o regalate ai combattenti del Califfato. Le aspetta un futuro di stupri e botte.

La maggior parte di queste prigioniere, alcune delle quali hanno anche appena 14 anni, appartengono alla comunità degli yazidi, antico gruppo etnico curdo con sede nel nord dell’Iraq, o sono di religione cristiana.

Secondo una recente indagine delle Nazioni Unite sulla tratta del sesso messa in piedi dall’Isis “le ragazze vengono vendute come barili di petrolio” e possono essere acquistate da sei uomini diversi. A rivelarlo a Bloomberg lo stesso inviato Onu sul campo, Zainab Bangura: “A volte i combattenti richiedono alla famiglie delle ragazze rapite migliaia di dollari di riscatto”. Altre, invece, finiscono in una sorta di asta degli schiavi a Raqqa, in Siria, dove vengono vendute al miglior offerente. tgcom24

Zainab-Bangura

Zainab Bangura – ONU



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -