Azienda in crisi: imprenditore agricolo s’impicca

cappio-suicidio

 

PORTOGRUARO – Si è tolto la vita, nella sua azienda di Portogruaro, Duilio De Franceschi, 51 anni, di Teglio Veneto.

Aveva dato tutto ciò che poteva alla sua “Le uova oggi”, di Serrai di Giussago, nell’hinterland portogruarese. Sacrifici, lavoro duro, mai un attimo di riposo, tutto da solo: purtroppo non è bastato. Se in passato in qualche modo era riuscito a sbarcare il lunario, nel tempo la situazione è peggiorata pesantemente.

Un cugino di Fossalta è arrivato oggi nell’azienda del 51enne e non trovandolo è entrato in ufficio. C’era un biglietto: «Sono nel primo capannone». Facendo un giro, il cugino ha scorto un’ombra, trovando il corpo a penzoloni da una trave. Subito ha lanciato l’allarme al 118 che ha inviato l’ambulanza di Portogruaro. I sanitari purtroppo non hanno potuto fare nulla. Il De Franceschi era deceduto oramai da alcune ore.



   

 

 

1 Commento per “Azienda in crisi: imprenditore agricolo s’impicca”

  1. E di chi è la colpa, di tutti questi suicidi? a mio modesto parere e di tutti i pappagalli che stanno in politica, ed e anche di tutti noi cittadini inermi che stiamo subendo passivamente da chiunque viene in Italia anche i clandestini reclamano e fanno manifestazioni, che il mangiare non è buono si perchè loro mangiano aragoste caviale e champagne, vestiti non gli piacciono, sigarette e schede telefoniche non ne vogliono ( pero vogliono i soldi ) ecco chi comanda in Italia fra poco ci cacciano a calci nel sedere e i c…….i TACCIONO e a f. non ci vanno mai!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -